About Calipso

Questo blog è Calipso. Avete presente la figura mitologica di Calipso?

Calipso è una semi-dea, semi-strega, personaggio mitologico e narrativo dai risvolti affascinati ed esoterici, donna ammaliante e intelligente, immortale e posta allo snodo del percorso di Ulisse nell’Odissea, lo snodo tra il proseguire verso la retta via e il perdersi per sempre, tra il fare la cosa giusta e lo scegliere la cattiva strada, tra il bene e il male, tra il brutto e il bello. Calipso stessa è un insieme di giusto e sbagliato.
Io sono Calipso
perchè sono lo stesso insieme di giusto e sbagliato.
Io sono Calipso, perchè Calipso vuol dire “Colei che è nascosta”, sono nascosta al mondo e alla vita e ora non mi voglio nascondermi più, ma al contrario voglio rivelarmi completamente e far entrare il mondo nella mia stanza.
Io sono Calipso perchè sono a uno snodo, a una scelta  tra me stessa/il bene o me stessa/il male, me stessa che inizia a  vivere o me stessa la nullità autolesionista.  Ho passato gli ultimi 20 dei miei 29 anni a bloccare, autoflagellare e smantellare quanto di buono potevo essere, vivere, dare, sia a causa mia, cha a casua del mio passato angusto e dei demoni che ancora mi tormentano. tumblr_m18jl5yEje1qljigdo1_500

Sono Calipso perchè sono a uno snodo: nasco, vivo o soccombo alla bruttura e al deperimento del nulla e dell’apatia?

Questo blog è Calipso. E’ Calipso perchè è lo snodo della mia vita,  il mio tentativo di riscrivermi e sbloccarmi nell’atto della punizione per le mie anadempienze e mancanze come essere giusto e vero. Punirmi svendendo ogni più piccolo e vergognoso dettaglio SCRIVENDO TUTTO QUELLO CHE PENSO FACCIO E MI SUCCEDE SU QUESTO BLOG, senza censure, come se avessi una web cam sempre accesa che mi segue, e purtroppo non so come si inserisce la cam nel blog altrimenti la terrei accesa davvero. Svelare la mia identità, ma mia intimità senza veli e censuere nel tentativo di mettere me stessa alla luce del mondo, affinchè possa il mondo dirmi se sono e se posso vivere.

Perchè io da sola non sono in grado di farlo…

Un anno di tempo per capirlo. Scriverò ogni giorno, quel che mi succede, cercherò di estirpare quel che c’è di buono dalle mie giornate, e di crocifiggere con l’umiliazione della resa pubblica, quanto c’è di male. Anche se inizio con qualche giorno di ritardo dall’1 gennaio 2013 e anche se non so se qualcuno leggerà e se chi leggerà sia un bene o un male e mi giudicherà e mi riempirà di belle parole o insulti. Non importa. Ho bisogno di sentirmi vista e di essere giudicata, una volta tanto, per quello che sono davvero. Alla fine diq uest’anno tirerò le somme e svelerò il mio nome vero, il mio volto, la mia ubicazione.

Semmai succederà che qualcuno perderà qualche secondo del suo tempo prezioso a leggere quel che sono, se qualcuno mi vedrà DAVVERO attraverso queste pagine per quella che sono come non mi è mai successo nella vita, allora questo blog avrà adempito alla sua funzione.

Sono Calipso, e sono viva, sono vera, e sono nuda.

Annunci

26 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. alexiel80
    Gen 16, 2013 @ 11:21:22

    Io attendo di leggere e spero davvero che questo esperimento porti ad un risultato positivo 😉

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Gen 16, 2013 @ 12:52:16

      Lo spero tanto anche io Alexiel, ma non lo so, sai? Scrivendo l’ultimo post non ho potuto fare a meno di pensare che sto andando alla cieca, ma è forte solo il desiderio, il bisogno di agire, di mettermi a nudo per capirmi io stessa. Grazie per il supporto:)

      Rispondi

  2. maga
    Feb 18, 2013 @ 11:03:49

    Se non la conosci, te la consiglio 🙂

    A presto,
    m.

    Rispondi

  3. Valentino
    Feb 19, 2013 @ 10:45:00

    Io ho scritto un libro che si chiama Io sono Calipso, ed è stato pubblicato l’anno scorso…..https://www.facebook.com/IoSonoCalipso

    Rispondi

  4. allorizzonte
    Mar 01, 2013 @ 16:21:12

    Sei al bivio, tra la catastrofe della potenza e l’estasi della bellezza.
    Sul bivio, ti fermi a guardare.
    Perché non sai, nemmeno negli inferi del tuo sonno, ciò che hai appreso del mondo.

    Rispondi

  5. manutheartist
    Mar 15, 2013 @ 12:34:49

    Cara Calipso,
    appena ti conosco e già mi hai rapita. Il tuo profilo e la descrizione affilata che fai di te stessa mi sgomentano: sei forse una mia gemella separata alla nascita?
    Comprendo, credimi, più di quanto tu solo possa immaginare, i tuoi sentimenti, i tuoi dubbi sull’esistenza di essere giorno e notte, bene e male, fragile e allo stesso tempo fortissima.
    Io ti seguirò con assiduità, con morbosità. D’altronde, mi pare di capire, che non vuoi proprio nascondere niente di te stessa e chi ti vuoi mostrare per quello che sei a 360 gradi.

    Buona scrittura e auguri di una deliziosa avventura in questo mondo alternativo che ci lascia libere di essere e di esprimere gli spazi più reconditi del nostro ego.

    p.s. ovviamente, spero di ricevere una tua visita anche sul mio blog…se non altro per scoprire quale sarà la tua reazione al mio profilo e alla mia doppia natura di umana esistenza.

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Mar 15, 2013 @ 15:32:00

      Guarda, quello che mi hai detto è una di quelle cose che da sempre, da che sono al mondo mi ha fatto più piacere sentire, ovvero che ti rivedi in quel che scrivo al punto da sembrare gemelle.
      E sai perchè? Prima di tutto perchè è rarissimo sentirselo dire. Secondo eprchè come me da queste parti non ce ne sono, i miei pochissimi amici sono simili a me per certi versi, ma non così tanto da capire me stessa e perchè sono quel che sono e ho sempre sentito la mancanza di un gemello vero o finto con cui mai sentirsi sola e mai doversi spiegare. Terzo perchè io voglio disperatamente conoscere persone come me per migliorarmi io e per arricchirmi soprattutto. QUini credo che ti seguirò anche io con un piacere particolare 😉

      Rispondi

  6. eklektike
    Apr 11, 2013 @ 22:03:31

    Ciao Calipso, ricambio la visita.
    Mi riconosco un po’ in questa descrizione, e anch’io penso che conoscere se stessi, magari anche sforzandosi di vedersi “dall’esterno”, sia fondamentale. Soprattutto quando si è giunti ad un crocevia.

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Apr 12, 2013 @ 06:31:24

      Esatto e se devo essere sincera mi sta aiutando molto questa storia del blog. Non che la mia vita non sia il solito casino e che ben poco abbia concluso o abbia chiarito, ma qualcosa comincia a muoversi… forse 😉

      Rispondi

  7. italianamentescoretta
    Apr 14, 2013 @ 16:37:21

    Brindiamo ai venti che vanno. Felicità!

    Rispondi

  8. giuspiti
    Mag 04, 2013 @ 21:42:52

    Sono approdato al tuo blog per un caso fortuito. E’ sabato sera e sono annoiato, solo e a casa: immagina con che spirito ho iniziato a leggere… Ma in qualche minuto è cambiato tutto: questo blog nasce da un’idea fantastica e, già solo “rubando” qualche giorno della tua vita, ho incontrato molto di me nelle tue “avventure”, nelle tue parole, nelle tue paure e perfino nei tuoi modi di fare. E anche la tua analisi meta-psicologica è un mezzo che mi piace e che spesso provo ad usare. La tua scrittura poi è coinvolgente e brillante. Ti seguirò con piacere!!
    PS: passare dai venti a trenta è tutta scena, fa molto meno rumore di quello che dicono 😉 A presto,
    GiuSeppe

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Mag 05, 2013 @ 09:20:10

      Non sai che piacere mi fanno le tue parole! Dico sul serio non è pro-forma. Prima di tutto perchè sapere che c’è qualcuno che si rivede in quello che dico-penso-faccio (alternativa migliore a mangia-prega-ama :p) mi fa sentire meno sola, meno “sbagliata”; poi perchè anelo acnoscere persone che siano a me simili, è come un’assuefazione, la necessità di migliorarti e capirti riflettendoti su qualcunoa te simile e affezionanditici ha ben poche alternatve migliori almeno per me (ma si sa che io sono pallosa); e terzo perchè hai detto che ti piaccio come scrivo e io non sono insensibile ai complimenti sulla scrittura, tutt’altro! 😛
      Quindi ti aggiungo anche e faccio un giro nel tuo blog incuriosita, ma dopo che ora devo andare a mondare patate per i miei cugini famelici, come tipi sulle navi sai… come si chiamano… mmh.. nostromi no buh…vabbè comunque una gran figata di vita eh!

      Rispondi

      • giuspiti
        Mag 06, 2013 @ 10:25:09

        Buondì Calipso =) Sono assai felice di leggere la tua risposta, anche perché -come dire?- condivido la “necessità” di incontrare persone alle quali, in qualche modo, mi lega un pensiero, una “ricerca”, un viaggio, un qualcosa che a volte è anche complesso da indagare e spiegare a parole. D’altra parte so che questo è un “gioco” pericoloso, ma, come dici tu (altro che pallosa!), le alternative sono ben poco attraenti (e loro sì, molto spesso, pallose!).
        Riguardo il tuo stile, non era un complimento 😛 Scherzo, ma è una sincera attestazione di bellezza (e son fatto così, posso (leggasi voglio) farci poco: se qualcosa mi emoziona lo scrivo in tranquillità). E se ne trova così poca in giro che quella che c’è va decisamente custodita con cura!
        Ti ringrazio per il giro sul mio blog, spero troverai qualcosa di interessante, ma nutro forti dubbi al riguardo: sono solo 2 foto in croce (peraltro ben caotiche) e poco altro, visto che ho aperto il blog da poco e, almeno all’inizio, con molta diffidenza. Ma mi rifarò 😉

      • Calipso la Liberidea
        Mag 06, 2013 @ 12:09:16

        Be’ guarda io l’ho aperto solo da metà gennaio il blog ,a scrivendop qualsi tutti i giorni si è riempito abbastanza in fretta e ha acquisito naturlamente uyna sua personalità. Sono consapevole che non avrò per sempre la possibilità di mantenere questo ritmo ma fino ad allora continuo e che usare la scrittura come catarsi è una cosa buona e giusta 😉

      • giuspiti
        Mag 06, 2013 @ 10:28:51

        PS: se ti beccasse un nostromo a paragonarlo ad un pelapatate/cambusiere, visto il carattere poco simpatico che si dice abbiano… povera te!! 😀 E comunque, da fan della cucina, potrebbe essere davvero una figata! (c’è di peggio sicuramente… tipo passare il sabato sera a casa… senza incontrare il tuo blog :P)

      • Calipso la Liberidea
        Mag 06, 2013 @ 12:07:49

        ahahahh lo so! Ma non ricordavo… intendevo mozzo,il mozzo pela le patate?

  9. lucasette
    Mag 09, 2013 @ 10:49:13

    Funziona anche se sono entrato a metà percorso?

    Rispondi

  10. rossana
    Mag 17, 2013 @ 10:31:08

    Anche tu non scherzi, eh?
    Affascinata. Sarò una guardona, visto che adoro sbirciare nella cam altrui? Solo se chi vi sta dietro lascia la luce spenta sul volto, però. Ché troppi dettagli esteriori confondono, distraggono dall’intero che si intravvede solo nei contorni sfumati delle ombre.
    Torno, che voglio sbirciare meglio…

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Mag 17, 2013 @ 11:06:25

      No non credo tu sia una guardona, è che le vite degli altri possono darti qualcosa sa un semplice spunto, a un’ipotesi di amicizie, al sollazzo di una storia che potrebbe essere interessante, per questo ne siamo affascinati 😉

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 107 follower

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Biobioncino's Blog

Andare avanti nella propria quieta disperazione

Musa Di Vetro

Quel luogo è sempre da un'altra parte

Bisogna prendere le distanze...

4 dentisti su 5 raccomandano questo sito WordPress.com

Francesco Nigri

Passionate Life and Love

i discutibili

perpetual beta

VAstreetFrames

Street photography and portraits

Gianvito Scaringi

Idee, opinioni, reblog e pensieri spontanei

silvianerixausa.wordpress.com/

Silvia Neri Contemporary Art's Blog

Cosa vuoi fare da grande?

Il futurometro non nuoce alla salute dei vostri bambini

Personaggio in cerca d'Autore

Un semplice spazio creativo.

LES HAUTS DE HURLE VALENCE

IL N'Y A PAS PLUS SOURD QUE CELUI QUI NE VEUT PAS ENTENDRE

Kolima - Laboratorio di tatuaggio siberiano

Un corpo tatuato è un libro misterioso che pochi sanno leggere

Menomalechenonsonounamucca

Trent'anni e una vita che non vedo. Allora la metto a nudo, completamente, me stessa e la mia vita, in ogni suo piccolo, vergognoso, imperativo dettaglio, come se avessi una web cam sempre accesa puntata addosso. Svendermi per punirmi e per rivelarmi completamente al mondo, svelare le mie inadempienze come la laurea che non riesco a prendere e i kili da perdere, nella speranza che sia il mondo a vedere quel che io non vedo in me. Un esperimento che sarà accompagnato da foto e cronache dettagliate e che durerà un anno, il 2013 dei miei 30'anni. Se il mondo non vedrà niente neanche così, chiuderò tutto....

ial.

Just another WordPress.com site

The Well-Travelled Postcard

A travel blog for anyone with a passion for travelling, living, studying or working abroad.

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: