Un pinguino senza Madagascar, un Gratta e Vinci senza vinci.

Non ho chiamato Odisseo tutto il giorno, l’ho detto, l’ho fatto. Non gli ho neanche risposto ai messaggi che mi ha inviato. Mi ha chiamata lui, ma mi sono intrattenuta pochissimo e non sono stata per niente carina e propositiva. L’ho fatto, non posso ancora crederci di esserci riuscita. L’ho fatto e ora chiaramente sto in panico totale.
Credevi fosse il grande amore, cara Calipso, invece è un grande ammasso di corbellerie“, per questo non l’ho chiamato, per questa frase, che continuava a tamburellarmi in ogni dove, come la più arcigna delle ossessioni, e non parlargli mi sembrava la soluzione più naturale, perchè sono abbattuta e perchè non avevo molta voglia di sentirlo per portare davanti da sola questa pantomima.
Non potevo non farlo.
Nell’ultima settimana mi ha completamente spompata. Avrò buttato lì mille momenti carini, mille situazioni tenere e lui non ne ha colto una e ha stroncato il resto. Sono come un fagiolo messicano senza Messico, come un Gratta e Vinci senza “vinci” e col solo “gratta”, come i pinguini di Madagascar senza “Madagascar”, che i fagioli senza Messico sono solo anonimi fagioli e del solo gratta non sa che farsene nessuno, e che poi i pinguini di Madagascar sono effettivamente senza Madagascar perchè non sono in Madagascar e non lo raggiungeranno in nessuno dei quattro film il Madagascar e ho anche spoilrerato il finale di tutta la saga, ma il punto è e resta sempre Odisseo e io che sono nel panico perchè non chiama e io ora non so cosa fare, che domani e dopodomani non saprò cosa fare, che non ci capisco più niente.
Ora ho in mano un cellare derubato dei suoi accenti francesi, ricco solo di sterili codici numerici, quelli del biglietto di Trenitalia che domani mi ricondurrà nel Burundi (cosa c’è di più sterile di un codice di biglietto di treno che ti riporta nel Burundi?) per questa seconda metà di maggio, dove dovrò affrontare fallimeni, Università, tasse, parenti serpenti, burundiani in astinenza di succulente news.
E il panico dilaga….

Annunci

36 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. ゚・❤ EleOnora ❤・゚
    Mag 11, 2013 @ 21:47:46

    brava!

    Rispondi

  2. DeathEndorphin
    Mag 11, 2013 @ 22:10:59

    Per me hai fatto benissimo a non chiamarlo.
    Sarà che sono molto in una fase “voglio un pensiero superficiale che renda la pelle splendida”, ma tutte le pene che ti sta facendo passare non mi piacciono.
    Ora ci stai un pò malino ma tra un paio di giorni per me nemmeno ci penserai più a quell’uomo ed alle sue assurde percentuali.
    Un abbraccio FORTE! =)

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Mag 12, 2013 @ 06:52:42

      Eh insomma ci penso eccome… Ci credi se ti dico che non so come uscirne? No, aspè, non so proprio come comportarmi. Allontanarmi? Ma tanto soffro, coffro così, soffro colì,si soffre sempre qui eccheccazzo! Vedremo che succede oggi. Tra un poì sto a Termini e parto verso il Burundi. Ma tra 20 days torno eh :p
      Mi prendo tutto l’abbraccio FORTE!

      Rispondi

  3. alexiel80
    Mag 11, 2013 @ 23:06:43

    Domanda: non lo chiami per metterlo alla prova o perchè “non ti và”? Perchè il giochetto del mettere alla prova la persona può in alcuni casi essere discutibile mentre se non lo chiami perchè l’idea che si ripeta la stessa scena delle altre volte e che le carinerie vadano a vuoto non ti fa star bene…ecco questa è una cosa su cui riflettere. Che poi io posso capire che uno sia scazzato per lavoro, università e quant’altro, che c’ha il carattere complicato e un passato difficile ma…se il supporto nn è reciproco, se lui può scattare come ‘na donnina ciclata e te invece devi stare sempre sul chi vive e attenta a quel che dici beh questa nn è una relazione, non è una frequentazione e neanche un’amicizia ma è fare da supporto/crocerossina e tollerare tutto in cambio di scleri e a meno che tu non ti ci veda bene in camice bianco e croce rossa (e se per sbaglio ci ho preso sulla situazione) occhio e riflettici.

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Mag 12, 2013 @ 07:02:09

      All’inizio non l’ho chiamato perchè francamente non mi andava di sentirlo, ma poi, quando la sua mancanza è diventata cocente, non l’ho contattato lo stesso per metterlo alla prova sì.
      Ma vedi Ale, non so che cosa fare. In tutta sincerità non me la sento di rompere tutto così, a questo srtato delle cose e non sentirmo più, primo eprchè strei male a bestia, secondo perchè avrei un sacco di dubbi, perplessità, ripensamente e continue domande su come poteva essere, su come io sia stata frettolosa, sul rimpianto, e odio il rimpianto. L’unica cosa che posso fare è andare avanti passo passo, e metterlo anche un po’ alla prova sì, e magari come dici tu, cercare di non essere più troppo tollerante nei confronti dei suoi scazzi.
      Credimi, ci sto riflettendo, e per questo che lo metto alla prova…

      Rispondi

      • alexiel80
        Mag 12, 2013 @ 08:09:58

        No ma capisco perchè poi staresti lì a chiederti “e se non avessi fatto così?…” però sfrutta questa situazione per valutare bene le reazioni sia tue che sue.

  4. lucasette
    Mag 12, 2013 @ 06:36:18

    Ci ho pensato: dipende da una questione sentimentale. Qua dentro ci sono centinaia di riflessi della cronaca quotidiana, particolari, lucidi, contradditori, se li leggo li riassumo e ogni volta sono preso dal “generale”: è qualcosa lontano anni luce dal mio modo di raccontare e scrivere ma è vero, è pieno di sentimento. Mi piace per questo, partiamo dalla mediocrità assoluta del vivere ma è perchè ci costringono, lottiamo per raggiungere Itaca, dentro siamo eroi.
    Hai fatto bene a non rispondere, adesso parlagli guardandolo fisso negli occhi sennò sei solo una bambina imbarazzata. Non si fa, fidati.

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Mag 12, 2013 @ 07:13:09

      Magari potessi guardarlo negli occhi, ma siamo in città diverse, non lontanissime ma in diverse regioni e al momento è davvero impossibile vederci. Per questo tollero molte sue incertezze, perchè so quanto gli pesa e vive male la distanza.
      Possiamo quindi guardarci negli occhi via skype ma francamente odio skype, preferico il telefono che skype!
      Per le tue parole grazie, sono bellissime, non so se c’pè davvero tutto quello che vedi, sono solo io e la mia vita scalcagnata e cerco di grattare qualcosa dalla vita, disperatamente ma apre che sia tutto celetato sotto strati e strati di cemento armato per me, quindi faccio una gfatica boia anche in virtù del mio passato e delle armi che non ho/non mi sono state del tutto fornite.
      A presto e grazie ancora 😉

      Rispondi

  5. tramedipensieri
    Mag 12, 2013 @ 08:12:05

    Ha chiamato lui.
    Vedi?

    (ho scritto e riscritto mille volte un commento e poi l’ho cancellato, su questioni sentimentali – altrui – è difficile per me, dare dei pareri. Evito.) 😀

    Un abbraccio
    .marta

    Rispondi

  6. in fondo al cuore
    Mag 12, 2013 @ 09:38:54

    L’importante è che tu riesca a capire come stanno davvero le cose e quali sono i suoi sentimenti…..è essenziale questo, poi potrai decidere cosa fare….
    Buona domenica!

    Rispondi

  7. Eli
    Mag 12, 2013 @ 14:09:29

    Carissima,
    prima di tutto complimenti per lo stage! non e’ l’ideale e dire che e’ sottopagato e’ un eufemismo, ma e’ un inizio verso il cambiamento e l’opportunita’ di vivere in una citta’ piu’ stimolante! 🙂
    Per quanto riguarda Odisseo, prendila in modo semplice. Ti chiama e vuoi parlargli? rispondi! ti manda un sms, rispondi, se vuoi. Non vivere con il sogno del passato, non inseguire cio’ che c’era mesi fa e cercare di ricrearlo!i mesi fa sono passati, adesso hai il presente. Ascolta come stai al telefono con lui, com’e’ ADESSO quando vi sentite, cosa ti da’! se non ti chiama, o non ti vuole dire delle cose dolci, OK, dedicati alla tua vita! non forzare le cose, non obbligarlo ad essere cio’ che vuoi.
    non sono d’accordo con il capire i suoi sentimenti, perche’ porta sempre lui al centro della scena. Cerca di capire i tuoi sentimenti, si, sei innamorata, ma vuoi davvero una persona come lui? con il suo carattere? con gli up and downs?

    Questo e’ solo un consiglio cmq!
    Un abbraccio grandissimo!
    Eli

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Mag 12, 2013 @ 19:07:47

      Guarda Eli, io sono sicura, purtoppo, sono innamorata di lui.Tutto sta ora nel vedere come andrà e cosa prova lui, perchè non lo so mi dà input contraddittori, non credo come molti mi dicono che non provi niente per me e mi tenga appesa così per vedere se andrà bene, poi forse mi sbaglio e vedo quel che voglio vedere, ma le cose, lui, noi, sono + complesse di così… credo boh sono molto confusa per questo affronto giorno per giorno tutto, mai che me ne andasse bene una…
      Per lo stage, anche l’ì è uno sfruttamento ma cmq è un piccolo passa, capisci? miscoscopico, ma mi muovo;)
      Un bacione e grazie come sempre per i tuoi cinsigli.

      Rispondi

  8. E.
    Mag 12, 2013 @ 15:08:25

    Dai, che piano piano le cose si muovono! Lo stage è un passo, e il non aver chiamato un altro passo! 🙂
    Un grande abbraccio!!

    Rispondi

  9. lajulz
    Mag 12, 2013 @ 17:12:52

    Hai fatto bene, anche se fa male.
    Ti abbraccio.

    Rispondi

  10. Mohawk
    Mag 12, 2013 @ 19:29:44

    Anche secondo me hai fatto bene, ora tranquilla e aspetta.
    Buon viaggio!

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Mag 12, 2013 @ 19:31:48

      Ho aspettato e lui mi ha chiamata, non fa una piega. E io non faccio che confondermi ancora e ancora. Lo vorrei qui e basta, vorrei poter dire di essere la sua ragazza e amarlo e basta. Perchè devev sempre essere tutto troppo difficile?

      Rispondi

  11. Mohawk
    Mag 12, 2013 @ 20:03:34

    Purtroppo fin amore funziona così, è quasi sempre tutto molto difficile.
    Invece no, per me tutto sommato è stato facile, ma è stato mille anni fa.
    Sono sicuro che quando vi rivedrete si chiarirà tutto, nel bene o nel male, ed ora è di questo che hai bisogno.

    Rispondi

  12. Mohawk
    Mag 12, 2013 @ 20:14:59

    Oh, sì sì, continua ed anche benissimo. 🙂

    Rispondi

  13. Valentina Luberto
    Mag 13, 2013 @ 11:00:58

    Come ti dico sempre, con Odisseo devi fare quello che senti. Conoscendoti un pochino, forse non hai risposto NON per fare giochetti, ma perché proprio non ti andava e non posso non capirti visto come si è comportato in quel frangente 😦
    Rispetto tutto il resto: tieni duro che tra un po’ potrai dimenticare il Burundi per un po’ 🙂
    Ti abbraccio :*

    Rispondi

  14. Valentina Luberto
    Mag 13, 2013 @ 12:30:06

    Dai tempo al tempo. Ora hai altro a cui pensare (è una gran fortuna, sai? 😀 )
    Adesso devi solo stare a guardare cosa fa lui per te e per voi.
    Poi, deciderai 😉

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 107 follower

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Biobioncino's Blog

Andare avanti nella propria quieta disperazione

Musa Di Vetro

Quel luogo è sempre da un'altra parte

Bisogna prendere le distanze...

4 dentisti su 5 raccomandano questo sito WordPress.com

Francesco Nigri

Passionate Life and Love

i discutibili

perpetual beta

VAstreetFrames

Street photography and portraits

Gianvito Scaringi

Idee, opinioni, reblog e pensieri spontanei

silvianerixausa.wordpress.com/

Silvia Neri Contemporary Art's Blog

Cosa vuoi fare da grande?

Il futurometro non nuoce alla salute dei vostri bambini

Personaggio in cerca d'Autore

Un semplice spazio creativo.

LES HAUTS DE HURLE VALENCE

IL N'Y A PAS PLUS SOURD QUE CELUI QUI NE VEUT PAS ENTENDRE

Kolima - Laboratorio di tatuaggio siberiano

Un corpo tatuato è un libro misterioso che pochi sanno leggere

Menomalechenonsonounamucca

Trent'anni e una vita che non vedo. Allora la metto a nudo, completamente, me stessa e la mia vita, in ogni suo piccolo, vergognoso, imperativo dettaglio, come se avessi una web cam sempre accesa puntata addosso. Svendermi per punirmi e per rivelarmi completamente al mondo, svelare le mie inadempienze come la laurea che non riesco a prendere e i kili da perdere, nella speranza che sia il mondo a vedere quel che io non vedo in me. Un esperimento che sarà accompagnato da foto e cronache dettagliate e che durerà un anno, il 2013 dei miei 30'anni. Se il mondo non vedrà niente neanche così, chiuderò tutto....

ial.

Just another WordPress.com site

The Well-Travelled Postcard

A travel blog for anyone with a passion for travelling, living, studying or working abroad.

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: