Passi indietro e Zeta

Sto facendo una serie di passi indietro che non posso permettermi di fare e li sto facendo in ogni settore della mia vita. E quel che è peggio, a pochi giorni dalla rinascita, nell’esatto momento in cui tutto prendeva una piega leggermetne più positiva rispetto a il resto tutto della mia vita:

la dieta: mille passi indietro! Tutto quello che ho perso tanto faticosamente credo di averlo recuperato, se non del tutto, poco ci manca. Sto reingrassando a vista d’occhio e la dispensa piena di nutella e cioccolata e merendine e brownies e ciambelloni e pastiere e dolciumi vari dei miei cugini, di certo non aiuta la mia depressione incanlzante. Il fatto di stare a casa degli zii, poi, mi impedisce di mangiare come voglio, di correre e di riprendere un ritmo a me più consono.
i demoni: sto per tornare ai minimi storici di depressione, non riesco a dormire e non sono neanche nella mia stanza dove risiedono le armi per combattere contro i demoni, quindi loro arrivano e possono fare quanto più gli aggrada.
– l’università: non solo è ferma, ma è anche più che ferma, è anchilosata, cementificata. Con tutte quelle tasse da pagare che non so come pagare, la tesi da scrivere , la professoressa della tesi che non sento da un’eternità, un disastro da cui non so come uscire.
Odisseo: è in stand by, Odisseo. Ci sentiamo e basta, giorno per giorno e giorno per giorno affrontiamo le magagne che ci si prensentano e sono tante. Però oggi è stato un amore: abbiamo parlato per un’ora, solo io e lui, nell’enorme terrazzo di zio, mentre tutti erano a scuola, a lavoro o dormivano, e io ho sorriso tutto il tempo sentendolo rilassarsi via  via e stiracchiarsi come un ghiro, dopo le giornatacce che ha passato. Il suo periodo forsennato si è in parte concluso e possiamo tirare un sospiro di sollievo. E’ stato tenero e gentile tutta la mattina e mi ha detto che aveva pensato di venire a Roma per vedermi, ma ha controllato e con poco preavviso il biglietto costa un bel po’ anche se il tragitto Napoli-Roma è breve e ora che ha fatto il trasloco, dato l’affitto di 3 mesi in anticipo, comprato un sacco di roba, non c’ha proprio una lira, e lo capisco, ma mi a fatto piacere che l’abbia pensato, ci abbia provato e me l’abbia detto. Sicuramente ci sono stato passi indietro anche con Odisseo dal momento che non siamo legati sentimentalmente come prima, ma per ora diciamo che stiamo in stand by.
il lavoro: qui mi sa proprio che è un nulla di fatto e io ci ho creduto troppo in questo colloquio romano. In realtà non ero ottimista, non credevo sul serio che mi avrebbero presa, ma era una ventata di aria fresca per problemi e depressione, la prospettiva di iniziare qualcosa, di non sentirmi più un’ameba inutile e soprattutto di uscire da quella stanza per sempre, una prospettiva così bella, che mi ci sono lasciata conquistare e coinvolgere troppo. E ora dovrò trovare qualcosa di orribile e schifoso nel Burundi per l’estate, tremo al solo pensiero.
autostima: a zero, proprio. Sto cercando di seguire i consigli di persone più navigate e intelligenti di me – e siete soprattutto sul blog quindi forse leggerete questo commento e vi ci ritroverete, avete notato la sottile lusinga, sì?-, ovvero di ripetermi che io sono giusta e non sbagliata, che sono quel che sono e va bene così, per provare a vincere blocchi, guai o timidezza o quantomeno vivere le mie mosse, le mie giornate, in maniera più serena. Vedremo, ma non è facile come sembra.
Zeta: sì ho fattoi dei passi indietro anche con Zeta, ma questo merita un capitolo a parte.

Zeta (in pillole).
Zeta (sì, come quello di Men in black) è un mio ex amico di cui non ho mai parlato perchè l’anno scorso è uscito/ha voluto uscire violentemente dalla mia vita e io ho sofferto come una piccola pecora eviscerata per questo. Ci ho messo secoli a estirpare ogni ganglio della sua presenza dalla mia vita e non ci sono ancora riuscita del tutto, ma evito comunque di pensare a lui e di scontrarmi nel corso delle giornate con cose che me lo fanno tornare alla mente. E’ una delle persone che mi ha conosciuta meglio, credo, forse l’unico, con lui sono stata bene come con nessuno anche se a distanza (le mie amicizie importanti sono semrpe a distanza), e avevo l’arroganza di credere di avergli lasciato anche io qualcosa di importante. Ma un anno e un mese e mezzo fa, ha deciso che dovevo scomparire dalla sua vita e senza darmi una reale spiegazione mi ha bloccata su facebook e sul cellulare e ha smesso di rispondere alle mie mail, insomma si è staccato. Era già un brutto periodo ma con la perdita di Zeta è diventato un inferno.
Questo per un molto breve sunto. Sono riuscita a relegarlo in un angolino della mente dove non passo spesso, ho dovuto farlo, mi stava schiantando il cuore il suo ricordo, e da luglio scorso ho smesso anche di provare a contattarlo, tanto se non sente più desiderio di sentirmi o parlarmi è inutile. Recentemente sono finita per sbaglio sulla sua pagina anobii, ma ho chiuso immediatamente per tema che le radici dei ricordi mi stritolassero.
L’ho amato? Oh sì, in tutti i modi in cui una persona può amare io ho amato Zeta tanto che nonostante tutto il male che mi ha fatto, nonostante si sia comportato in una maniera indegna di lui, non riuscirò mai a odiarlo del tutto (e c’ho provato a odiarlo, cristo se c’ho provato!), e una piccola parte di me gli vorrà sempre un gran bene e gli augurerà sempre il meglio del meglio che la felicità e il mondo possano offrire. A meno che non riesca a dimenticarlo del tutto un giorno, e francamente, lo spero, visto che per quel che ne so lui può essere su Marte al momento, e le possibilità che ci risentiremo sono più rare di quelle che io diventi la scrittrice più figa del mondo.
Tutto questo preambolo per dire che ieri ho fatto un passo indietro anche riguardo a Zeta e stanotte mi è improvvisamene balenato in mente. Sarà che era una ricorrenza particolare e legata a lui, ma l’avevo escluso dalla mia vita del tutto negli ultimi mesi! Anche i disegni che avevo fatto per lui – per farla breve volevo inviargli dei disegni con di alcune scene a noi familiari e per me (noi?) importanti-, li avevo oramai relegati in fondo al cassetto meno visitato della stanza.
E ieri è tornato il desiderio di poter sapere almeno se sta bene o cosa fa o come va la sua vita, la sua storia d’amore, la sua nipotina, il suo lavoro, lui. Di poter sentire solo una sua parola, che lui sapeva meglio di chiunque trovare quelle più giuste, non solo da dire a me, quelle più giuste nel mucchio di parole esistenti nella storia dell’umanità. Come faceva è un mistero per me. Io ne uso a iosa di parole ma non le governo con lasua abilità.
Ora me lo scrollerò di nuovo di dosso, devo farlo, e spero di riuscirci con più agio lasciandolo scritto qui, su questo blog, come fosse una parte della mia vita da mettere in una bottiglia e lasciar andar via per sempre verso una vita migliore lontano da me. Ma non prima di avergli dedicato un ultimo pensiero, un ultimo bacio e di avergli detto per l’ultima volta “Tanti auguri di buon compleanno, mio piccolo, Zeta”.

Annunci

26 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Mohawk
    Mag 04, 2013 @ 12:02:22

    Secondo me tutto (diciamo molto che è meglio) dipende dalla prospettiva da cui lo si guarda.
    Tu in questo momento (probabilmente da tantissimo tempo, ma io ti conosco da poco) sei abbastanza (!!??) negativa, quindi vedi tutto come se fosse negativo ed ogni aspetto della tua vita ti sembra un passo indietro.
    Noi (noi blogger che seguiamo le tue avventure) vediamo invece tantissimi aspetti positivi di Calipso.
    Tu sei l’unica che può mettere insieme queste parti di te, la xxx reale a cui va tutto storto e la Calipso tanto amata in rete.
    Ogni consiglio è superfluo, l’unico che posso darti è infatti sempre lo stesso: cerca di avere più fiducia in te.
    Per quanto riguarda Zeta non dico niente, sono stato abbastanza zeta anch’io ultimamente ed hai tutta la mia colpevole comprensione.

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Mag 04, 2013 @ 13:06:54

      Sei stato Zeta nel senso che hai dato la caccia agli alieni vestito in nero. o che hai scagazzati fuori dalla tua vita una tua “amica del cuore”?
      Io prendo sempre molto sul serio i consigli che mi si danno qui sul blog per due ragioni:
      1) mi leggete per quello che vedo e sono DAVVERO, senza maschere o veli;
      2) perchè mai avrei immaginato iniziando a scrivere qui, di avere tanta fortuna da essere letta, capita, apprezzata e addirittura di trovare persone in grado/con la pazienza e la voglia di seguirmi e consigliarmi.
      Ovviamente dipende da chi me li dà i consigli e che mi dice, ma tu sei uno di quelli con cui ho aperto un canale comunicativo subito, quindi dì sempre quello che vuoi e io lo prenderò in considerazione.
      Sì, tendo a vedere le cose in negativo, ma mi hanni insegnato ad agire così, e mettermi sempre in dubbio e a ritenermi inadatta, inadeguata qualsiasi cosa facessi. E faccio fatica a scvrollarmelo di dosso eprciò per me opgni passo è un macigno spostato. Devo imparare e dire tutto senza poi penstirmene e provar rimorso per quel che dico faccio e sono e per ogni mio gesto ma davvero non so come si fa

      Rispondi

  2. Mohawk
    Mag 04, 2013 @ 13:52:22

    A volte anche le cose più semplici sembrano impossibili se uno non ci prova, è solo questione di allenamento 🙂

    Per quanto riguarda il mio essere stato Zeta diciamo: “la seconda che hai detto”.

    Anche se Man In Black è per me un film mitico, e ne parlo pochino pochino qui: http://mohawkwordpress.wordpress.com/tag/man-in-black/

    Rispondi

  3. Valentina Luberto
    Mag 04, 2013 @ 17:13:11

    Ciao Cali del mio cuor! 😛
    Oggi faccio il commento per tematiche, dai, diamo una parvenza di ordine a questa vita… ma anche no! (ps: non ho bevuto, giuro!) 😀

    – Dieta: sei in vacanza? Sì, sei in vacanza (lo dico io, quindi è così!), anche se fai di tutto per rovinarti questi giorni con i pensieri di sempre: smetti di pensare! Dicevo, sei in vacanza, dunque, anche la dieta è in vacanza! 🙂 Quando tornerai a casa ti rimetterai a regime, adesso pensa solo a rilassarti. Lo so che è difficile, ma devi provarci, altrimenti ti vengono le rughe 😛

    – Demoni: cattivi, andate via da Cali! Spero di averli spaventati 🙂
    Scherzi a parte, lo sai che sul versante demoni ti capisco e sai che anche io ci sono dentro fino al collo, ma dobbiamo mettercela tutta per non far vincere loro. Tu cerca di scrivere, magari ti può aiutare proprio ora che non puoi avere a portata di mano i tuoi anti-demoni 😉 Tu sei più forte di loro, io lo so! 🙂

    – Odisseo: meno male che MisterPaturnia al momento sia rilassato. Tutti noi gliene siamo infinitamente grati, soprattutto noi donne che rivendichiamo il diritto di essere noi ad avere il ciclo e non lui … :/
    Taccio, fin quando non mostra di smettere di far capricci sai come la penso su di lui 😛

    – Lavoro: sai anche come la penso su questo argomento. Anche in questo caso: non ti buttare giù! Avrai presto la tua occasione 🙂

    – Autostima: ecco, ascolta chi ti guarda dall’esterno e che ti vede per quello che sei: una ragazza intelligente, simpatica, bella e qualcuno che si è felici di avere nella propria vita (io ti vedo così e non si discute!).

    – Zeta: spero che ovunque si trovi capisca di essersi comportanto male e da egoista, soprattutto mi auguro vivamente ti chieda SCUSA, ma SCUSA grande quanto una casa e anche di più. Per me una persona che dice di volerti bene non sparisce così, quantomeno ha voglia e sente l’esigenza di sapere come sta l’altro, perché se vuoi davvero bene a qualcuno hai necessità di sapere come se la passi la persona a cui dici di essere tanto legato. Questo oltre le distanze e le vicende della vita. Ecco, mi fermo qui perché questo argomento tocca anche me (per un’altra persona che si è comportata male con me proprio nello stesso modo) e mi dispiace, io assenze del genere proprio non riesco a capirle.

    Infine, ti abbraccio forte forte e mi raccomando, tieni duro e non scoraggiarti 😉

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Mag 04, 2013 @ 18:00:47

      Ehi Vale, comunque ci sentiamo nei prossimi giorni che così ti racconto meglio,okkkkkey? E poi pensavo una cosa ma te la dicon in diretta che devo uscire e sto truccandomi mentre ti rispondo (sai che esce?!)
      Dunque per rispondere a tema come hai fatto tui:
      – la dieta ferma significa che ingrasso a vista Val, ‘cazzo faccio? Sarà un dramma riprendere poi e comunque non posso andar avanti così a ingrassare e dimagrire come una cornamusa!
      – Odisseo: oggi è stato di un tenero che non hai idea, non si sbilancia, niente paroileine dolci, ma mi ha confotata per mezz’ora mi ha spiegato cosa fare secondo lui, mi ha scritto un messaggino e ha solo sbottato una volta, pensa!
      -demoni: non ce la faccio + devo assolutamente ammazzarli , il mal di testa c’ho!
      -autostima: provo a ripetermi che non è brutto ciò che sono magari funziona
      -Zeta, ti assicuro,lui era una persona esemplare e meraviglioso, devo avergli fatto qualcosa di molto grave per avere questa sua reazione….cmq non creedo lo sentirò mai +.
      Ci sentiamo scappo un bacione enorme.

      Rispondi

  4. Valentina Luberto
    Mag 04, 2013 @ 18:35:52

    Noooooooooooo… non si dice “poi te lo dico”, io sono curiosissima, sigh 😀
    Attendo trepidante 😛
    Allora, se mangi, cammina! Il centro di Roma è percorribile a piedi ed è anche un piacere farlo 😛 quindi: passeggia, ammira, distraiti e perdi peso senza accorgertene 🙂
    Su Odisseo ho letto della grazia che ci ha concesso oggi, mi chiedo: fino a quando?
    Sui demoni vedo che hai capito 😀
    Su Zeta, non conosco la tua storia né lui, dunque le mie parole e pensieri sono sulla situazione in generale:amico che si inabissa senza dare più notizie di sé e sbattendosene altamente dell’altro nonostante “gli voglia bene” (mah)
    Ribadisco che non capisco chi tronca senza spiegazioni dopo un rapporto importante. Ripeto, se mai dovesse avere il coraggio di rifarsi vivo (lo spero per lui, significherebbe che ha capito di essersi comportato male) dovrebbe chiederti scusa. Vedi, si possono avere tutte le ragioni di questo mondo per allontanarsi da qualcuno, ma se si tiene all’altro, bisogna avere il coraggio di dirgli, eventualmente: mi hai deluso per questi motivi (segue elenco), preferirei non sentirti più! Eh, ma mi rendo conto che non tutti abbiano la correttezza, l’onestà e il coraggio di fare cose del genere.
    Aspetto notizie, allora 🙂
    Divertiti questa sera e smettila: anche con il trucco non combinerai pasticci 😉
    Baciotti :*

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Mag 05, 2013 @ 09:00:17

      Sì Vale, camminare per Roma, diluvia! E siccome oggi pomeriggio devo uscire con una mia amica diluvia di brutto, of course!
      Per quanto riguarda Zeta, non lo giustifico attenzione, è un comportamento di una balordaggine assoluta, ma il punto è che io lo consocevo e lui non è era un balordo, per questo mi ha spiazzata oltre a ferirmi. Quindi o non lo conoscevo come credevo, o non mi voeva così bene o semplicemente non aveva più bisogno di me e della mia amicizia, probabilemente s’è fidanzato, non sarebbe la prima volta che succede una cosa del genre anzi è abbastanza un clichè,solo che lui non era un clichè, era tutt’altro e forse anche per questo gli ho voluto bene oltre ogni tenerezza possibile. Cmq non tornerà mai a far parte della mia vita,inutile rimuginare sui perchè e percome, mi dispiace e gli vorrò bene comunque e per sempre, ma non mi riguarda più la sua vita.
      Odisseo mi ha riempito di messaggi ieri sera, carino e coccoloso, si vede che si sta riposando eh 😛
      Non c’è molto che ti devo dire tranquilla, le cose che scrivo qui solo + colorite come di consueto quando parliamo noi. Tu fai la brava nel frattempo, ok?

      Rispondi

  5. ゚・❤ EleOnora ❤・゚
    Mag 04, 2013 @ 19:16:55

    😦

    Rispondi

  6. 82sophie
    Mag 04, 2013 @ 19:29:10

    Ma almeno sai cosa è successo per scatenare la reazione di Zeta? Il motivo di questo allontanamento?

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Mag 05, 2013 @ 09:09:13

      No Sophie, niente di niente. Lui mi disse solo che non voleva più essermi amico, ma successe dal giorno alla notte. Io ero tutta chiacchierina e gli decevo cose e lui mi ha stoppato e me l’ha detto, uno dei giorni più bruitti della mia vita non sai i pianti e lui così freddo, è stato orribile,lui era una parte di me, della mia vita,capisci? e a quantopare io ben poco per lui… Non so perchè l’ha fatto ma mi ha bloccato senza ritegno ovunque, quindi era proprio furioso. Oppure comedicevo, è una situazione da clichè, siccome frequentava una ragazza, suicuramente si sono messi insieme e non ha più sentito il bisogno di parlarmi e sentirmi. Ma è una ragione plausoibile per me, ma pare lo sia stato per lui… Ho provato a odiarlo ma davvero non riesco e non sono una che non odia, io odio eccome, ma con lui non ci riesco nonostante avevo proprio bisogno di farlo per scrollarmi di dosso tutto. Forse un giorno…

      Rispondi

      • 82sophie
        Mag 05, 2013 @ 09:32:57

        Io mi rifarei viva, dicendo solo “mi hai cancellato dalla tua vita senza una spiegazione, vorrei solo sapere il perché”… La storia della fidanzata regge fino ad un certo punto, se gliel’avesse chiesto lei il motivo potrebbe essere la gelosia, ma eravate solo amici!

      • Calipso la Liberidea
        Mag 05, 2013 @ 09:47:27

        Non lo so se è quello il motivo, mi limito a ipotizzare. Ho provato a chiederglielo e mi sono sentita rispondere solo che non l’unica ragione era che non voleva più essermi amico e basta, ninet’altro, ma non regge molto. In realtà sicuramente in passato c’è stata attrazione tra noi, e sicuramente io sono stata innamorata di lui e viceversa. Ma era troppo complicato gestire la cosa e tutto si era stabilizzato in un’amicizia bella e profoinda e in un affetto di quelli arcigni, che ti porti dietro per tutta la vita. O almeno così mi pareva che fosse. Invece… 😦

      • 82sophie
        Mag 05, 2013 @ 09:49:39

        Mah io non mi sarei rassegnata mai, almeno la spiegazione chiara me la doveva!

      • Calipso la Liberidea
        Mag 05, 2013 @ 11:19:35

        E neanche io mi sono rassegnata, da marzo a luglio c’ho provato,gli ho scritto di continuo, l’ho chiamato con altri numeri telefonici ma comelo chiamavo mi bloccava il numero e non rispondeva alle mail mi ha anche bloccato su skype … se l’era scordato mi ha visto entrare (e non ero lì per lui) e mi ha bloccata subito snza che neanche lo contattassi, come fai a continaure con una trafila di pugni in faccia senza ritegno? E poi materialmente se non mi risponde… guarda è stata una cosa moilto brutta e ha contrubuito a rendere il mio già pessimo periodo un inferno. Noin potevo continuare a pensare a lui o a provarci, mi stava ammazzando e a metà luglio gli ho scritto per l’ultima volta.

      • 82sophie
        Mag 05, 2013 @ 14:05:33

        che stronzo… scusa eh! ma come si fa a ferire così le persone senza motivo?

      • 82sophie
        Mag 05, 2013 @ 14:05:33

        che stronzo… scusa eh! ma come si fa a ferire così le persone senza motivo?

      • Calipso la Liberidea
        Mag 05, 2013 @ 14:26:07

        Non lo so Sppèhie,forse lui un motivo ce l’ha ma io non lo so

  7. Hasegawa Kooji
    Mag 07, 2013 @ 07:15:34

    l’impressione che ho, leggendoti, sia con Odisseo che con questo Zeta è che tu, purtroppo, ti agganci alle persone a tal punto da venirne distrutta quando queste vanno per la loro strada
    purtroppo nei rapporti è insito il rischio della fine e dobbiamo essere autosufficienti…

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Mag 07, 2013 @ 14:31:18

      E’ un’impressione fasulla, ma solo perchè hai frainteso una cosa fondamentale: le persone di cui parlo qui come Odisseo, sono persone con cui ho stretto un forte legame e questo mi è capitato tipo tre volte oin 30’anni. E sì al ragazzo di cui sono innamorata sono legata, e sì a quello che stato il mio migliore amico e molto di più per anni e sì che mi ero lagata a lui e anche lui diceva/pareva legato a me. Attenzione, non sto parlando di un amico che si sceglie per uscire così perchè è coerente con le tue passioni o di un ragazzo con cui decidi di stare per colpo di fulmine perchè mettertici insieme perchè devi procreare e non vuoi stare sola allora ti adegui. Parlo di un affetto che nasce giorno per giorno e si radica e la persona diventa parte della tua vita in un qualsiasi modo. Per esempio un altro ragazzo l’ho sentito lo stesso tempo che ho sentito Zeta e non mi sono legata così, gli voiglio bene ma amen, non capita con tutti e non lo faccio capitare apposta. Davvero non hai mai costruito un rapporto anche d’amicizia o intimità, tale che se spezzato ti abbia fatto soffrire o sentire la mancanza della persona in questione? Mi sembra un modo un po’ sterile di vivere, e per quanto abbia letto solo un paio di post scritti da te, non mi era parso.
      Nei rapporti è insito il rischio della fine, d’accordissimo. Ma deve eserci una ragione non è che uno se ne esce e chiude tutto dall’oggi al domani, bloccandoti senza ritegno, spurgandoti dalla sua vita dopo aver sostenuto che eri importante quanto tu lo eri per lei, senza neanchedarti una reale spiegazione nè accettare gli auguri di compleanno che ti fa, ma che cazzo di atteggiamento è? C’è modo e modo di chiudere o di modificare un rapporto, questo non un modo accettabile a meno che Zeta non sia uno di quelli che vive rappoorti “profondi” a convenienza e quando non gli servono li elimina. Lui non era così, anzi gli avevano fatto una cosa del genere e c’era stato male quindi mai avrebbe cagato su noi due in questo modo anche se s’è trovato la fidanzata (non so se è questa la ragionedel suo comportamento assurdo e non da lui, ma sembra la più plausibile e comunque non mi ha dato altre reali ragioni, quindi non ne aveva…) non è che avere una ragazza preclude altri rapporti, che discorsi!
      E poi, francamente parlando, la vita è già dura e difficile, che si vive a fare se non possiamo neanche vivere un rapporto di vero affetto con qualcuno? O se non possiamo stabilirli per essere autosufficienti? Resterebbe solo nascere-mangiare-dormire-procreare-schiattare.
      Ok mi sono dilungata e ti chiedo scusa, ma sulla questione “Zeta” sono suscettibile. Gli ho voluto così bene che avrei affrontato gli orchi e le tartarughe ninjia per lui… e si che a me stavano simpatiche le tartarughe e quelle ninjia in particolare :p E no, non mi “aggancio” a tutti così, solo a tre persone nella mia vita, e forse solo a lui in quel modo speciale 😉 Per questo spero di dimenticarlo presto del tutto…

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 107 follower

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Biobioncino's Blog

Andare avanti nella propria quieta disperazione

Musa Di Vetro

Quel luogo è sempre da un'altra parte

Bisogna prendere le distanze...

4 dentisti su 5 raccomandano questo sito WordPress.com

Francesco Nigri

Passionate Life and Love

i discutibili

perpetual beta

VAstreetFrames

Street photography and portraits

Gianvito Scaringi

Idee, opinioni, reblog e pensieri spontanei

silvianerixausa.wordpress.com/

Silvia Neri Contemporary Art's Blog

Cosa vuoi fare da grande?

Il futurometro non nuoce alla salute dei vostri bambini

Personaggio in cerca d'Autore

Un semplice spazio creativo.

LES HAUTS DE HURLE VALENCE

IL N'Y A PAS PLUS SOURD QUE CELUI QUI NE VEUT PAS ENTENDRE

Kolima - Laboratorio di tatuaggio siberiano

Un corpo tatuato è un libro misterioso che pochi sanno leggere

Menomalechenonsonounamucca

Trent'anni e una vita che non vedo. Allora la metto a nudo, completamente, me stessa e la mia vita, in ogni suo piccolo, vergognoso, imperativo dettaglio, come se avessi una web cam sempre accesa puntata addosso. Svendermi per punirmi e per rivelarmi completamente al mondo, svelare le mie inadempienze come la laurea che non riesco a prendere e i kili da perdere, nella speranza che sia il mondo a vedere quel che io non vedo in me. Un esperimento che sarà accompagnato da foto e cronache dettagliate e che durerà un anno, il 2013 dei miei 30'anni. Se il mondo non vedrà niente neanche così, chiuderò tutto....

ial.

Just another WordPress.com site

The Well-Travelled Postcard

A travel blog for anyone with a passion for travelling, living, studying or working abroad.

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: