Dorothy Parker sta morendo

La mia tartarughina non si muove quasi più ormai e non mangia da giorni.
Non vederla zampettare furiosamente e alzare la testina con gli occhini neri neri brillanti ogni volta che mi avvicino, è di una tristezza assurda.
Ce l’ho messa tutta: ho chiesto pareri ad esperti, ho preso un termometro per misurare la temperatura dell’acqua che i rettili non producono calore e l’acqua deve essere ta i 15 e 28 gradi, le ho dato le vitamine, ho scelto il cibo migliore e più fresco possobile da intervallare al mangime per tartarughe, ma niente è servito.
Ha iniziato a cercar aria allungando la testa e starnutiva sempre e questo è sintomo di raffreddore se non polmonite. Qui nel Burundi non ci sono veterinari per rettili e comunque non resisterà fino a domani.
Devo aver fatto qualcosa di sbagliato all’inizio, ma era così viva, così bella che non ho pensato alla morte per un secondo. E invece le cose vive e belle muoiono sempre, anzi muoiono presto.
Forse le ho messo acqua troppo fredda, forse non l’ho tenuta abbastanza al sole, le ho cambiato spesso l’acqua, le ho dato da mangiare troppo o qualcosa di sbagliato.
Neanche dieci giorni interi sono riuscita a farla star bene.

Ormai credo manchi poco. Non so più che fare, sono completamente inutile. Posso solo stare seduta vicino a lei e parlare, forse si sentirà un po’ meno sola mentre se ne va.

Annunci

48 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. She
    Apr 28, 2013 @ 09:02:30

    Ti capisco. Mi è successo da poco con il mio primo pesciolino.
    La morte è sempre dietro l’angolo anche se non ci vogliamo quasi mai rendere conto.
    Trovarsi di fronte alla morte anche di una piccoa tartarughina è tristissimo, ma credo che sia una di quelle emozioni che dopo ti fanno sempre di piu’ apprezzare la vita.Ti consiglio un libro molto bello scritto da Concita De Gregorio “Cosi’ è la vita”

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Apr 28, 2013 @ 09:28:51

      E’ che è stata una settimana assurda e ora anche lei che muore, è stata con me per poco tempo ma in un momento particolare e mi ci sono affezionata. E sono sicura di aver fatto qualcosa di sbagliato e averle fatto del male, era così piccola…
      Grazie per il consiglio e per esser passata dal mio blog

      Rispondi

  2. Carla
    Apr 28, 2013 @ 10:24:40

    Oh Caly, che brutta notizia….. So che sono animaletti particolarmente delicati, specialmente da piccoli…. Non fartene una colpa, come al solito, ma ti capisco: io non ho animali proprio per non affezionarmici troppo, hanno comunque una vita più breve della nostra…ma, se ti può consolare, io soffro molto quando mi muoiono le piante e mi colpevolizzo per le cure che ho dato (troppa o poca acqua???? Troppa o poca luce???). Non me ne intendo, ma forse era meglio che avesse una compagnia??? (Non umana, capiscimi……), la prossima volta mi informerei dal ragazzo che te l’ha venduta. Per quanto ti è possibile, passa una buona domenica. Bacio
    Carla

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Apr 28, 2013 @ 10:31:26

      In realtà ci avevo pensato a prenderle un compagno per non farla star sola, ma almeno dovevo vedere come andava aocn questa prima di ucciderne due. Mi sono informata bene, comunque: i rettili sono territoriali, mal sopportano la compèagnia e che si invada il proprio ambiente, in realtà anche una carezza o i cambio dell’acqua per loro è un forte stress…
      Per ora non prenderò più animali, non posso starci così male, un giorno prenderò un’altra tartaruga ma di terra e farò le cose per bene,lo giuro 😉
      E non essere triste per le piante 🙂

      Rispondi

  3. Carla
    Apr 28, 2013 @ 10:44:02

    Nooo, non sono così triste, ma ho sempre il borsellino aperto, per comprare nuove piante… I miei vicini credono che io abbia il pollice verde, ma non è così. Anche oggi ne ho comperate quattro…

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Apr 28, 2013 @ 10:46:40

      Informati, compra dei libri segui siti specializzati su internet, e piano piano imparerai. Cattivo da dire ma è probabile che tu debba ammazzarne di piante prima di sviluppare il pollice verde 😉

      Rispondi

      • Carla
        Apr 28, 2013 @ 10:59:59

        Ho tutto: enciclopedie, libri, internet, in realtà forse ho poca pazienza ed insisto a comprare piante non adatte al clima ( e soprattutto al maestrale) che qui la fa da padrone …. Vado a fare un ulteriore giro sul terrazzo… A presto
        Carla

  4. alexiel80
    Apr 28, 2013 @ 12:00:06

    😦 uff spiace tanto

    Rispondi

  5. ゚・❤ EleOnora ❤・゚
    Apr 28, 2013 @ 13:34:51

    😦

    Rispondi

  6. Punto e virgola G.
    Apr 28, 2013 @ 13:38:25

    Ma era una tartarughina acquatica? Sono difficile da allevare… Oltretutto anche la questione legale è particolare, sapevi? Bisogna avere un certificato di proprieta’ e altre burocrazie…

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Apr 28, 2013 @ 17:15:51

      Sì esatto acquatica, ma era piccola circa un mesetto di vita. Lo so che è difficile e infatti mi sono informata ma non è servito a molto. Mi sa che serve l’acquario grande con termostato e autopulente. Ma della certificazione non ne sapevo legale niente, cioè so che serve per quelle di terra ma non per quelle acquatiche o così mi ha detto il ragazzo che me l’ha venduta…

      Rispondi

  7. 82sophie
    Apr 28, 2013 @ 13:45:46

    Ma no :-(((
    Io ne ho due da anni e adesso sono grandicelle, ma non hanno mai ricevuto cure particolari… probabilmente era già malata e tu non lo sapevi… mi spiace.

    Rispondi

  8. Mohawk
    Apr 28, 2013 @ 14:07:28

    Mi dispiace.
    Non è bene affezionarsi troppo a tartarughine e pesci rossi, soprattutto appena arriti. La mortalità i primi tempi è altissima.
    Cerchiamo un lato positivo?
    Hai un buon motivo per tornare da quel (molto bel) ragazzo. 🙂

    Rispondi

  9. maga
    Apr 28, 2013 @ 14:53:45

    Nuuu 😦 Ciao Dorothy…

    Rispondi

  10. stelioeffrena
    Apr 28, 2013 @ 16:27:13

    Mi spiace… Non sono un animalista, ma la scomparsa di un uomo non mi turberà mai quanto la scomparsa di un animale simpatico come la tartaruga. Che tristezza.

    Rispondi

  11. DeathEndorphin
    Apr 28, 2013 @ 22:02:14

    Povera, mi dispiace. =(
    Anche perchè so che vuol dire vedere morire un animale a si ci è affezionati..

    Rispondi

  12. Cicciona
    Apr 28, 2013 @ 23:30:51

    È sempre triste quando il nostro animaletto se ne va. Mi spiace che tu non sia riuscita a passare più tempo con Dorothy… Coraggio.

    Rispondi

  13. Valentina Luberto
    Apr 30, 2013 @ 08:54:07

    Le cose accadono e spesso non c’è una colpa, ma un destino.
    Tieni con te quello che di bello Dorothy ti ha donato e sarà insieme a te per sempre.

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Apr 30, 2013 @ 12:50:06

      Mah è stato bello averla ma mi sn preoccupata tutto il tempo Decisamente non era il momento migliore per un animaletto così delicato, forse è un segno che non devo avere troppe radici qui, speriamo visti i prossimi giorni!

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 107 follower

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Biobioncino's Blog

Andare avanti nella propria quieta disperazione

Musa Di Vetro

Quel luogo è sempre da un'altra parte

Bisogna prendere le distanze...

4 dentisti su 5 raccomandano questo sito WordPress.com

Francesco Nigri

Passionate Life and Love

i discutibili

perpetual beta

VAstreetFrames

Street photography and portraits

Gianvito Scaringi

Idee, opinioni, reblog e pensieri spontanei

silvianerixausa.wordpress.com/

Silvia Neri Contemporary Art's Blog

Cosa vuoi fare da grande?

Il futurometro non nuoce alla salute dei vostri bambini

Personaggio in cerca d'Autore

Un semplice spazio creativo.

LES HAUTS DE HURLE VALENCE

IL N'Y A PAS PLUS SOURD QUE CELUI QUI NE VEUT PAS ENTENDRE

Kolima - Laboratorio di tatuaggio siberiano

Un corpo tatuato è un libro misterioso che pochi sanno leggere

Menomalechenonsonounamucca

Trent'anni e una vita che non vedo. Allora la metto a nudo, completamente, me stessa e la mia vita, in ogni suo piccolo, vergognoso, imperativo dettaglio, come se avessi una web cam sempre accesa puntata addosso. Svendermi per punirmi e per rivelarmi completamente al mondo, svelare le mie inadempienze come la laurea che non riesco a prendere e i kili da perdere, nella speranza che sia il mondo a vedere quel che io non vedo in me. Un esperimento che sarà accompagnato da foto e cronache dettagliate e che durerà un anno, il 2013 dei miei 30'anni. Se il mondo non vedrà niente neanche così, chiuderò tutto....

ial.

Just another WordPress.com site

The Well-Travelled Postcard

A travel blog for anyone with a passion for travelling, living, studying or working abroad.

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: