100esimo post, 100 cose da fare, 100 incubi che tornano

Questo è il Centesimo post che scrivo su questo blog e tantiauguriamme, giusto per non perdere il vizio dei festeggiamenti inutili a una settimana esatta dal mio compleanno.
In realtà, avendo aperto il blog il 15 Gennaio e scrivendo quasi tutti i giorni (e un paio di volte pubblicando due post al giorno) è anche abbastanza naturale che sia arrivata a 100 così velocemente. Mi sembrava comunque il caso di celebrarlo in un qualche modo, soprattutto alla luce di quanto successo ieri.
Ieri il mio cpc si è improvvisamente spento per non riaccendersi più e a me è venuta una sincope e un colpo apoplettico insieme, cosa che mi ha illuminata su quanto sia legata al computer, su quanto la mia triste vita ci ruoti attorno (per scrivere il post di ieri ho usato lo sgangherato pc di mio fratello, e sai che spasso scrivere con la metà dei tasti che non funzionano!).
E la prima cosa che ho pensato, è che senza pc, non avrei potuto scrivere su questo blog per un bel po’ di tempo, con molto cordoglio e panico disperato a seguire. Sarà che oramai è un meccanismo naturale quello di scrivere qui, come fosse un diario che pretende la sua dose giornaliera di cagate, sarà che forse, e ripeto, forse, in piccolissima microscopica parte, il fatto di usare la scrittura come catarsi, di raccontarmi, di scrivere un sacco di cazzate qua sopra, mi ha aiutata a ricrearmi e riprendermi un po’, sarà quel che è, ma è questa la prima cosa che ho pensato.
Una persona normale, giusta e retta avrebbe dovuto pensare che senza pc, la tesi (già ferma) sarebbe destinata a star ferma ancora a lungo, con tutte le sciagure che ne conseguono, ma è stata solo la seconda cosa che ho pensato, non la prima, che devo dirvi?
Stamattina poi si è riacceso, ma è una cosa momentanea dovrò comunque portarlo assolutamente a riparare prima che diventi un problema irrosolvibile, giacchè diventa bollente immediatamente,  la ventola fa dei rumori atroci e si spegne di tanto in tanto.

100 è un numero considerevole, 100 giorni possono cambiare la vita di qualcuno. Non è stato il mio caso, ma è realistico che accada. E’ un grande numero, tondo e importante che diventa spaventoso se associato alle cose che devi fare. E anche questo è il mio caso.
La mia priorità – a prescindere da Odisseo e dalla possibilità o meno che il Destino decida di darmi di vivere una storia d’amore con i controcavoli – è quella di andarmene via da qui, di fuggire da questa casa e da questo paese. Non so dove andrò o cosa farò, ma certo è che devo scappare. E per farlo devo riuscire:
a) a vincere i miei 100 blocchi mentali;
b) a concludere finalmente, le 100 cose da fare per poter scappare via.
Il 100 che torna, ancora e ancora.
Sono una fatalista, in un altro caso avrei detto di essere io causa della costruzione di questa ragnatela di simboli e connessioni che vedo ovunque e di tutte le begole mentali conseguenti, ma stavolta no: ho davvero 100 problemi da risolvere e 100 cose da fare da sola (tesi, sbloccare la mia incapacità di avvicinarmi all’Università, pagare la tassa, capire come destreggiarmi e risolvere certi guai che mi creo per complicarmi ulterioremente la vita, cercare un lavoro estivo nonostante i miei problemi col paese, riprendere la dieta, ricominciare a correre, ecc.. ecc…). Il “da sola” mi preoccupa tantissimo. Non riesco a respirare da sola, se ci fosse qualcuno qui vicino a me a prendermi per mano potrei farcela, ma da sola, non credo…

100 sono anche le cose che ho mangiato questa settimana e che non avrei dovuto mangiare, che mi fanno sentire gonfia come 100 mongolfiere e 100 sono le volte il cui negli ultimi giorni, ho sentito il rancido bisogno di abbuffarmi e vomitare.
Non l’ho fatto.
Stavo per farlo, ma non l’ho fatto. Ho mangiato malamente, ma non credo di essere ricaduta in qualche pericoloso meccanismo passato. Sono successe un sacco di cose questi giorni e ho perso la speranza di farcela, d’improvviso, e non ho retto.
Sono tornati, attesissimi, anche i 100 demoni che mi assillano da una vita e si sono portati via il sonno, lasciandomi un pugno di minuti di riposo a notte, dilaniato dagli incubi peggiori, i soliti che tornano in circolo.

Per questo celebro i 100 post: è un 100 che non spaventa questo, merita di essere salutato a dovere.
E ora immagino dovrei andare e iniziare a fare qualcuna di quelle 100 cose, completate le quali potrò andar via da qui.
Tipo respirare…

Annunci

42 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. alexiel80
    Apr 22, 2013 @ 09:58:22

    Si inizia sempre da un punto, cerca il meno peggio e fallo 😉 e se è cmq pesante pensa all’obbiettivo: liberarti 😉

    Rispondi

  2. Hasegawa Kooji
    Apr 22, 2013 @ 12:22:30

    ti stai ripetendo, ma in fondo scrivi per te stessa, quindi ci sta… attenta a non entrare in loop però!

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Apr 22, 2013 @ 13:49:20

      Scrivo quello che mi succede e ciò che penso.e nel giro di questi tre giorni questo mi è successo, questo ho pensato.

      Rispondi

      • Hasegawa Kooji
        Apr 22, 2013 @ 14:03:53

        scusa la franchezza, ma preferisco dire piuttosto che fare demagogia… il silenzio può essere demagogia 😉

      • Calipso la Liberidea
        Apr 22, 2013 @ 14:22:45

        La franchezza mi spaventa solo quando non è completa e rivela solo ciò che conviene rivelre e nasconde ciò che conviene nascondere. Non è il tuo caso.
        Hai detto bene, sto ricadendo, seppure lentamente e con maggiore consapevolezza, in fasi statiche e depresse che è meglio evitare. Ciò non toglie che al momento così è, e non posso scriver d’altro.
        ps. Continua a esser franco.

  3. nanalsd
    Apr 22, 2013 @ 12:23:54

    Allora 100 auguri ed in bocca al lupo, sperando che le cose vadano per il verso giusto!
    E preghiamo che il Grande Demone Celeste non ti faccia i dispetti (:

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Apr 22, 2013 @ 13:47:00

      Crepi e grazie. Il Demone Celeste ha un pochino scassato cabasisi, potrebbe anche decidere di romperli a qualcun altro una volta tanto. Diglielo.

      Rispondi

      • nanalsd
        Apr 22, 2013 @ 15:35:24

        Grrr!
        Brutto demonaccio! Gira al largo da Calipso che altrimenti te la dovrai vedere con la sottoscritta!

      • Calipso la Liberidea
        Apr 22, 2013 @ 17:11:30

        Che poi mi hai fatto venire voglia di rileggere il fumetto l’altra volta ma mi sonoscordata di dirtelo che non entro molto su Facebook che m’ha rotto. Solo che se lo rileggo poi mi fisso che non so come finisce… quindi mi sa che mi vedo l’anime. Ecco.

  4. 82sophie
    Apr 22, 2013 @ 14:45:38

    Auguri!! Anche il mio pc inizia a dare segni di cedimento 😦

    Rispondi

  5. masticone
    Apr 22, 2013 @ 14:53:11

    veramente complimenti

    Rispondi

  6. laurin42
    Apr 22, 2013 @ 15:12:47

    Hai ben più di 100 motivi di continuare…e per noi di continuare a seguirti!
    Del resto tutti facciamo parte dell’Odissea Cosmica.
    Love
    L

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Apr 22, 2013 @ 15:16:00

      Odissea cosmica, mi piace, e sono contenta se d motivi di seguirmi a qualcuno di voi. Strano anche eprchè sono tre giorni che non faccio altro che guai nelle mie giornate e poi vengo qua e me ne lamento :p.

      Rispondi

  7. Mohawk
    Apr 22, 2013 @ 16:00:12

    Accidenti, non posso lasciarti sola un paio di giorni che tu mi combini tutti questi guai?
    Allora iniziamo con la cosa più semplice: da domattina si torna a correre.
    Non importa per quanto tempo, l’importante è che ricominci.
    Ti servirà per scaricare un po’ di tensione e per poter dire a te stessa che stai facendo qualcosa per te.
    E naturalmente auguri per il centesimo post! Cento di questi giorni!! (significa che devi arrivare almeno a mille!)

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Apr 22, 2013 @ 17:14:23

      A mille post! E tu vuoi sorbirti altre 900 di queste lagne?! In realtà l’biettivo è 365 in un anno,se poi sono di più grasso che cola.
      Devo correre ma non riesco a svegliarmi presto…
      Tu piuttosto, che combini? l’hai finito l’audiolibro?

      Rispondi

      • Mohawk
        Apr 22, 2013 @ 17:23:59

        Fine settimana ricco di impegni, ti ho sempre letto naturalmente, ma non sono riuscito mai a commentare. L’audiolibro? Nooo, manca poco ma non ho mai tempo e impiegherò ancora diverso tempo.

      • Calipso la Liberidea
        Apr 22, 2013 @ 18:01:21

        com’è fare un audiolibro? Devi avere una bella voce e una buoina dizione immagino. Io non sno brava a declamare poesie o leggere ad alta voce, ma mi è sempre piaciuta l’idea di fare la doppiatrice…

      • Mohawk
        Apr 22, 2013 @ 18:12:31

        L’idea iniziale era di farlo per me, quindi a me la mia voce va benissimo. Però sta venendo abbastanza bene e quindi sono anche disposto a farlo ascoltare anche ad altri. Io non lo so se sono bravo, diciamo che lo sono rispetto alle persone normali, ma sicuramente sono peggio di chi lo fa per mestiere o di chi ha fatto corsi di lettura e dizione. Io sono un autodidatta, come su tutto quello che faccio.
        Se vuoi ti invio un file via e-mail così mi dici tu se sono accettabile 🙂

      • Calipso la Liberidea
        Apr 22, 2013 @ 18:21:31

        Ovvio si manda 😉

      • Mohawk
        Apr 22, 2013 @ 22:39:39

        Fatto!

      • Calipso la Liberidea
        Apr 23, 2013 @ 06:53:24

        Non mi fa aprire la mail perchp dice che qualcuno ha cercato di forzarla. Perfetto. Ho mandato anche numero cell per codice di surezza ma niente. ok riesci a mandarla su facebook, tra i privati si possono mandare film sennò aspettiamo che lo sblocchino, lo sbloccheranno prima o poi!

      • Mohawk
        Apr 23, 2013 @ 18:00:54

        Allora fatto su FB! 🙂
        Si vede tanto che ci tengo a farti ascoltare qualcosa?

      • Calipso la Liberidea
        Apr 24, 2013 @ 06:04:30

        😀 Ora vado, promesso, che ieri non sono stata molto al pc.

  8. E.
    Apr 22, 2013 @ 19:14:53

    Auguri!!!
    Vedrai che il tuo pc andrà a posto. Se è un tower, è l’alimentatore a fare le bizze, mi era capitato….

    Rispondi

  9. DeathEndorphin
    Apr 22, 2013 @ 19:34:04

    Auguri per il centesimo post allora 😀
    Mi raccomando iniziale a fare quanto prima, queste cento cose (che lo scrivo a te, ma lo scrivo anche a me)!!!

    Rispondi

  10. ゚・❤ EleOnora ❤・゚
    Apr 27, 2013 @ 07:25:03

    da quanto tempo hai questo pc?
    pensavo l’avewssi fatto riparare quando eri stato a csa dell’odioso 😉
    Ma, io sono stata assente… e, guarda quanti post devo recuperare!!!!!!!!!!

    Rispondi

  11. Valentina Luberto
    Apr 30, 2013 @ 12:28:17

    In numerologia tutti i numeri (tranne l’11 e il 22) si riducono all’unità, dunque 100 sarebbe 1+0+0=1.
    Uno! E dall’uno devi partire. Scegli UNA cosa, quella che più ti preme e inizia da quella, UN passo alla volta, UN traguardo alla volta 😉
    L’1, sempre in numerologia è il numero del sé, della sopravvivenza, è un numero che costa fatica, ma che costa una fatica buona, quella per trovare e affermare sé stessi in questo mondo.
    Quindi, forza Cali e inizia a capire da quale UNO tu voglia partire 😉

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 107 follower

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Biobioncino's Blog

Andare avanti nella propria quieta disperazione

Musa Di Vetro

Quel luogo è sempre da un'altra parte

Bisogna prendere le distanze...

4 dentisti su 5 raccomandano questo sito WordPress.com

Francesco Nigri

Passionate Life and Love

i discutibili

perpetual beta

VAstreetFrames

Street photography and portraits

Gianvito Scaringi

Idee, opinioni, reblog e pensieri spontanei

silvianerixausa.wordpress.com/

Silvia Neri Contemporary Art's Blog

Cosa vuoi fare da grande?

Il futurometro non nuoce alla salute dei vostri bambini

Personaggio in cerca d'Autore

Un semplice spazio creativo.

LES HAUTS DE HURLE VALENCE

IL N'Y A PAS PLUS SOURD QUE CELUI QUI NE VEUT PAS ENTENDRE

Kolima - Laboratorio di tatuaggio siberiano

Un corpo tatuato è un libro misterioso che pochi sanno leggere

Menomalechenonsonounamucca

Trent'anni e una vita che non vedo. Allora la metto a nudo, completamente, me stessa e la mia vita, in ogni suo piccolo, vergognoso, imperativo dettaglio, come se avessi una web cam sempre accesa puntata addosso. Svendermi per punirmi e per rivelarmi completamente al mondo, svelare le mie inadempienze come la laurea che non riesco a prendere e i kili da perdere, nella speranza che sia il mondo a vedere quel che io non vedo in me. Un esperimento che sarà accompagnato da foto e cronache dettagliate e che durerà un anno, il 2013 dei miei 30'anni. Se il mondo non vedrà niente neanche così, chiuderò tutto....

ial.

Just another WordPress.com site

The Well-Travelled Postcard

A travel blog for anyone with a passion for travelling, living, studying or working abroad.

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: