Rompendo la bolla

In queste due prime settimane di Aprile, mi sono quasi scordata di essere me. Non sono sicura di poter dire che sia una cosa bella o che sia una cosa non auspicabile. In realtà credo un po’ entrambe le cose, ma è un ragionamento che vale solo nel mio caso, è una di quelle cose che va applicata alla persona in particolare dalla persona particolare stessa, per poter trarne un cavolo di responso particolare.

Io non sono stata mai felice di essere me. Insomma che cavolo c’è da essere felice?
Quello che sono non è mai stato bene alla stragrande maggiornaza della gente da me conosciuta, al punto che fin da piccola hanno cercato di soffocarmi ben bene con la creta e riplasmarmi. E in alcuni momenti della mia vita ci si sono messi anche d’impegno.
Io, ostica, ho perseguito la mia strada e questa sarebbe una virtù se non fosse che la mia strada non mi ha ancora portata da nessuna parte. E dico “ancora” nella speranza di vederlo il miraggio finale e raggiungerlo, un giorno, ma non escludo che non esista.
Non sto qui a rivangare il come e il perchè di tutto questo, sia perchè e non ne ho voglia, sia perchè è inutile. Ma è giusto sapere che tant’è.

Ecco quindi che queste settimane di sconvolgimenti sentimentali, vitali, ormonali, sono stati un ciclone e se devo essere sincera, qualche volta mi è capitato di guardarmi dall’esterno in questi giorni, come fossi staccata da me e apprezzassi un pochino, pochino di più quello che vedevo.
E’ come se avessi vissuto in una bolla: Odisseo, i baci (non c’è niente che mi manchi più dei suoi baci), dormire con le mani strette, i castelli, i musei, i pub, le risate, il mangiare senza sensi di colpa, le carezze, i fiaschi a letto (che comunque sono qualcosa, un inizio,un provarci, un vivere), le promesse, l’inizio di qualcosa di (forse) grande, il compleanno, i dolci da sperimentare, i tanti messaggi e chiamate di auguri che non mi aspettavo, i regali che non mi aspettavo, la quotidianeità senza il perenne timore di essere ignorata o insultata, e la confusione, soprattutto la confusione, quella che è seguita ai 5 giorni con Odisseo.
Perchè “confusione” significa che hai cuore, mente e petto satolli al punto che devi mettertici d’impegno per capire quale scintilla, quale emozione, vale più dell’altra e per leggere la trama elettrica che lega tutto e che non si può interpretare immediatamente perchè tutto questo, quel genere di emozione, generata esattamente da quella situazione precisa, ti è completamente sconosciuta.
E allora come fai a capire subito che significa?
Ora comincio a capire, ora comincia a snebbiarsi, ora che quelle emozioni si ripetono, rinascono puntualmente in situazioni precise, anche se ancora non riesco a cavalcarle e dominarle come si deve, hanno troppa verve o io troppa poca. O io ne ho troppa perchè comunque sono IO che le ho generate quelle emozioni, anche se non le capisco ancora del tutto, anche se non le domo ancora del tutto, anche se hanno vita propria.
E così, ora che la confusione pian piano si dirada, sono felice che ci sia stata, ne colgo tutte le sue ragioni e i suoi effetti benefici e la genesi sana da cui è scaturita.
Ma per ora non mi spingo oltre, non mi apro ancora a valutazioni definitive. Mi prendo altro tempo per svelare altre connessioni, per  sentire quella puntura elettrica ogni volta che le rivaluto.

Ma significa anche che la bolla in cui ho vissuto in queste due settimane si è rotta, ormai o che comunque sta per rompersi. Che devo tornare a fare i conti con la mia vita e la me di sempre, non quella in potenza che ho rimirato bellamente in questi giorni.
Significa ricominciare a impegnarsi per combattere i propri demoni, significa togliersi il velo colorato dagli occhi e tornare a guardare senza filtri dove sono, dove vivo e chi sono. E cercare di fare in modo di sfondare i miei blocchi, uscire fuori da tutto quello che mi ha soffocata in questi anni e in quelli precedenti, e riprendermi quella vita in potenza, quella me in potenza che ora ho visto e che so che esiste/può esistere.
Dunque, quello che farò oggi:

  •  rompere la bolla;
  • frugare nella nebbia e snebbiare un altro po’ di confusione;
  • riprendere la mia vita in mano e dirigerla dove so che voglio che vada;
  • richiamare qualche demone sopito dai baci (di Odisseo) e i dolci (miei) di questi giorni;
  • non pensare che possa ricominciare a mancarmi aria e respiro e che possano succedere ancora quelle cose che succedono in quei momenti;
  • capire come uscire dall’università, da sola, che è inquitantemente urgente come obiettivo;
  • fare un piccolo, misero passo verso la me in potenza.
Annunci

26 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. meo..... laura
    Apr 17, 2013 @ 08:10:28

    comincia ad uscire dal guscio…….non tutto è brutto cio’ che è fuori…..e non pensare che il brutto sia dentro……..giorno calipso……….meo

    Rispondi

  2. Simona
    Apr 17, 2013 @ 08:56:09

    Procedi a piccoli passi, l’importante è non restare fermi 🙂
    Un abbraccio 🙂

    Rispondi

  3. E.
    Apr 17, 2013 @ 09:12:14

    Ottimi propositi. Chiediti sempre cosa vuoi e vedrai chi sei, per davvero, fuori dai filtri esterni. Un poco alla volta vedrai nettamente la strada percorsa e la sua meta.
    Un abbraccio!

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Apr 17, 2013 @ 09:21:24

      Ci provo. ANhce se chi sono non l’ho mai capito del tutto, e aqlla fine il mio dubbio + grande era proprio se fossi qualcuno in effetti.
      Un abbraccio anche a te!

      Rispondi

      • E.
        Apr 17, 2013 @ 09:32:02

        Tu SEI qualcuno, e hai una personalità forte e poliedrica, si legge dalle tue righe. Abbraccia questa tua forza, e tienila sempre stretta.

      • Calipso la Liberidea
        Apr 17, 2013 @ 09:35:02

        Non so quanto sia forte, davvero noin credo molto ma quel che mi fa paicere è che dalle mie parole qualcosa traspaia. Anche in virtù del fattoi che per quanto irrealizzabile, io ci punto ancora al sogno di diventare scrittrice, e anche se questo non è esattamente il genere di scrittura da rpmanzo visto che è molto diaristico,comunque,credimi le tue parole mi fanno un piacere immenso anche per questa ragione…

      • E.
        Apr 17, 2013 @ 09:44:31

        Il talento per scrivere c’è, e tutto. Mai abbandonare i sogni, fanno respirare. 🙂

      • Calipso la Liberidea
        Apr 17, 2013 @ 10:02:51

        Sì è vero. C’èuna frase che adoro tratta da Sandman: “Quanto sarebbe più orrido l’inferno, se coloro che vi fossero, non potessero sognare il paradiso?

  4. ゚・❤ EleOnora ❤・゚
    Apr 17, 2013 @ 09:15:23

    Vedi… tu piaci a tantissima gente… questo blog ne è la dimostrazione.
    Come ti ho già detto : non penso che ci sarebbe stato ogni giorno qualcuno qui a leggere quello che scrivi e stare con te con i vari commenti…
    Tu, sicuramente sei nata solo nel posto sbagliato… in mezzo a gente sbagliata… ma, non pensarci… l’unica cosa che puoi fare è trovare una via … un lavoro ed andare via da posti e persone che non ti hanno mai capito o compresa, mai amata per quello che sei… ( poi, sicuramente la tua mamma stravede per te )
    Sei sola a questo mondo? non fartene un cruccio… trova la tua via e realizzala che sia una pasticceria , un libro scritto da te o altro… trovala… realizzala alla faccia di tutti…
    Tu, sei una ragazza in gamba… sei molto affascinante ed attrai molta gente… le qualità le hai per realizzaree la tua vita…
    un bacio tesoro… e, vivi che la vita è stupenda!

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Apr 17, 2013 @ 09:29:50

      Tu hai la capacità di capire i pensieri più intimi di qualcuno e di dar loro molto, è laprima cosa che mi incuriosita di te quando iniziammo a sentirci, cosa che si evidenzia nei commente a me e ada altri nel blog poco, in pratica scrivi molto più di te quando ti confronti con gli altri che non quando devi parlare di te. Il che la dice lunga sul tuo spirito da crocerossina ed eterocentrica, trovi il tuo centro di volta in volta che la situazionee la persona lo richiede.
      Io questa cosa non roiscirei a farla, temo di essere estremamente EGOcentrica e non ETEROcentrica.
      Grazie per le tue parole, davvero.
      Non ti nego che sno contenta che mi leggiate,avrei continuato a scrivere comunque anche senza nessuno che leggesse, ma forse noin mi avrebbe aiutata così tanto…

      Rispondi

      • ゚・❤ EleOnora ❤・゚
        Apr 17, 2013 @ 09:52:19

        nel mio blog parlo poco di me… solo perchè penso che a nessuno interessa 😉
        e, non mi sento all’altezza di scrivere …
        comunque preferisco
        di più quando posso esprimere un pensiero in giro nei vari blog… sempre se non mi sento un’estranea… in molti blog non entro perchè non mi sento a mio agio…
        ed ho paura di sbagliare…

      • Calipso la Liberidea
        Apr 17, 2013 @ 10:06:12

        Sai qual è il bello di internet? Che anche se sbagli non sei protetta, che paradossalmente puoi essere testa stessa più qui in cui sei mascherata che nella tua vita reale. Come me che riescoa dire ed essere me stessa scrivendo su questo blog, e secondo me, se ne senti il bisogno dovresti provare ad dire e fare quel che vuoi sul tuo blog.Se giàcos sei riuscita ad accaparrarti la simpatia e la stima di un sacco di persone, pensa cosa sarebbe se ti svelassi un po’ di più?!;)

      • ゚・❤ EleOnora ❤・゚
        Apr 17, 2013 @ 10:10:20

        ma… alle volte lo faccio 😉
        primo di questo avevo un blog su WLS… poi hanno chiuso facendoci trasferire qui… le amicizie sono tutte di lù… tranne qualcuna nuova.
        Lì. in effetti parlavo spesso di me… qui su WP ho tenuto il blog solo per non perdere i contatti con molti.
        Ma, ho perso lo sprint….

      • Calipso la Liberidea
        Apr 17, 2013 @ 10:21:34

        be’ ritrovalo 😉

      • ゚・❤ EleOnora ❤・゚
        Apr 17, 2013 @ 10:46:59

        anhce io come te… facevo un post al giorno…

      • Calipso la Liberidea
        Apr 17, 2013 @ 10:58:08

        Non è la cura contro chissà che male, nè la soluzione ai proiblemi, ma a me poco poco bene ha fatto, non credevo sarebbe diventata non dico poprio una terapia, ma un’irrimediabile punto fisso della giornata

  5. Mohawk
    Apr 17, 2013 @ 09:17:19

    Ecco, hai detto già tutto tu.
    Aggiungo solo una cosa: ricomincia a correre.
    Era una buona abitudine, ti farà sicuramente star bene con te stessa, senza pensare ad obiettivi di chili da perdere.

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Apr 17, 2013 @ 09:32:02

      Sì sì, ora che sono più tranquilla posso anche smettermi di stressarmi sulla perdita dei chili in tempi ristretti.
      e’ vero che mi faceva bene, sai? non lo avrei mai detto. E’ solo che a Napoli ho rivisto le mie abitudini e andavo a letto tardi e ora non riesco a svegliarmi presto ancora e se non mi sveglio presto non corro che poi fa troppo caldo e c’è troppa gente, quindi sto cercando di ristabilire i miei ritmi e dop comincio. Anche se non so come dovrò riprendere… se devo riiniziare daccapo col percorso o a metà…boh

      Rispondi

  6. Punto e virgola G.
    Apr 17, 2013 @ 09:42:04

    Mens sana in corpore sano.
    Stai andando forte… accidenti.
    (:

    Rispondi

  7. Hasegawa Kooji
    Apr 17, 2013 @ 10:49:54

    io, in controtendenza, ti suggerisco di espandere la bolla al tuo intero mondo… capisci cosa intendo? forse dovresti pensarci seriamente, non vedere quei 5 giorni come una bolla, ma come una promessa e una prospettiva?

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Apr 17, 2013 @ 11:01:37

      Ok… devo dire che è un punto di vista che non avevo considerato. Ovvero fare di queste due settimane la mia intera vita? Se devo essere sincera, non sono sicura di sapere come si faccia… Ho sempre saputo che sarei dovuta tornare coi piedi per terra, non ho mai valutato le cose dal punto di vista opposto. Be’ mi hai dato altro su cui pensare, grazie eh! :p

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 107 follower

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Biobioncino's Blog

Andare avanti nella propria quieta disperazione

Musa Di Vetro

Quel luogo è sempre da un'altra parte

Bisogna prendere le distanze...

4 dentisti su 5 raccomandano questo sito WordPress.com

Francesco Nigri

Passionate Life and Love

i discutibili

perpetual beta

VAstreetFrames

Street photography and portraits

Gianvito Scaringi

Idee, opinioni, reblog e pensieri spontanei

silvianerixausa.wordpress.com/

Silvia Neri Contemporary Art's Blog

Cosa vuoi fare da grande?

Il futurometro non nuoce alla salute dei vostri bambini

Personaggio in cerca d'Autore

Un semplice spazio creativo.

LES HAUTS DE HURLE VALENCE

IL N'Y A PAS PLUS SOURD QUE CELUI QUI NE VEUT PAS ENTENDRE

Kolima - Laboratorio di tatuaggio siberiano

Un corpo tatuato è un libro misterioso che pochi sanno leggere

Menomalechenonsonounamucca

Trent'anni e una vita che non vedo. Allora la metto a nudo, completamente, me stessa e la mia vita, in ogni suo piccolo, vergognoso, imperativo dettaglio, come se avessi una web cam sempre accesa puntata addosso. Svendermi per punirmi e per rivelarmi completamente al mondo, svelare le mie inadempienze come la laurea che non riesco a prendere e i kili da perdere, nella speranza che sia il mondo a vedere quel che io non vedo in me. Un esperimento che sarà accompagnato da foto e cronache dettagliate e che durerà un anno, il 2013 dei miei 30'anni. Se il mondo non vedrà niente neanche così, chiuderò tutto....

ial.

Just another WordPress.com site

The Well-Travelled Postcard

A travel blog for anyone with a passion for travelling, living, studying or working abroad.

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: