– 3 giorni a Odisseo + Pasquetta

Alle 2.22  (le 2.22 del 02/04, strani numeri…) mi sono svegliata e non mi sono riaddormentata più. Ho anche iniziato  a scrivere un post per il blog, che in effetti un post così, di improvvisi scazzi notturni mi manca, e conoscendomi è abbastanza strano. Sarà che da quando scrivo su questo blog- siano o meno collegate le due cose- la mia vita ha riguadagnato un certo equilibrio e non ho avuto molte nottate dilaniate dai demoni (assurdo! Non mi era mai successo e sono quasi tre mesi di seguito!), se escludiamo quelli pre-concorso nelle nebbiose e studiose albe febbrarine. Credo sia un bene, ma temo non durerà e non lo dico per darmi la zappa sui piedi, ma per esperienza, perchè nella mia vita una situazione di equilibrio, seppur precario e seppur semi-inconcludente come questo, non è mai durata troppo. E poi questi sono giorni così focali e carichi che porteranno sicuramente dei cambiamenti e la cadenza casuale (o c’è qualcosa di non casuale in tutto questo?) degli eventi, ha voluto che queste conseguenze si vadano a snodare nei giorni  che precedono il mio trentesimo complea,nno e che quindi verrà travolto, influenzato da questi e, nel bene o nel male, la situazione che ne deriverà detterà il “la” per l’inizio della mia vita da trentenne. E ‘sti cazzi se è poco.

Tutto questo inutile preambolo ha il solo scopo di narrare della mia nottate insonne.
Mi sono svegliata con un mattone nello stomaco, regalino dei bagordi alimentari di ieri che scalciano nelle viscere quanto i loro compari, i sensi di colpa per aver osato mangiare un pranzo completo, scalciano come ossessi nella cavità cranica della mia testa.
Pasquetta di vita, significa cibo e non c’è niente da fare. Che si facciano le scampagnate nei boschi o i pranzi a sacco con i compagnucci, o si vada al ristorante a godere delle offerte parazo-pasquali stile gente radical chic, comunque il senso del tutto resta sempre il cibo, cibo cibo cibo e altro, ma il fulcro è il cibo.
E noi siamo andate in un ristorante che in realtà è una taverna dal significato un po’ simbolico per noi, perchè sorge in un punto dove andavamo da ragazzine quando non entravamo a scuola, ma che all’epoca era un ritrovo sovrastato da un chioschetto, e ora è un bellissimo ristorante, piuttosto rinomato per la cucina anche, e a esso ci lega la promessa di andarci sempre e solo insieme noi tre amiche di vecchia data, mai con altre persone, mai senza una delle tre. Quindi, anche se io non propendo mai per le scelte radical chic (tendo anzi a odiarle e allontanarle come la peste), questa ha un sapore particolare vista la “promessa” che la regge e devo ammettere che comunque è una scelta sensata perchè alla fine, ogni pasquetta si gela e piove, quindi inutile imbrarcarsi in ardimentose gite che si risolveranno in fughe spettacolari sotto le tempeste.

Non volevo mangiarla io, sta diavolo di pasta, ma loro ne sono rimaste deluse, hanno detto che non potevo far loro questo, che era una giornata dedicata a noi e quindi senza restrizioni così e che facevo poi mentre mangiavano? Che abbiamo sempre fatto un pranzo completo ogni anno a pasquetta, e che non mi avrebbe fatto niente per una volta ecc ecc, quindi amen, mi sono rassegnata e me la sono goduta, almeno.
Ho preso un antipasto leggero con unsalata di mare, cozze gratinate e alice al limone più una polpettina di merluzzo aromatizzata che credo fosse fritta, ma non me ne sono accorta perchè stavamo parlando a raffica e me la sono mangiata, amen pure per quella.
Come primo piatto volevo scegliere un risotto, ma l’unico disponibilere era quello agli scampi e io li odio gli scampi, quindi ho preso la pasta come loro, senza pensarci troppo: visto che me la devo mangiare e che devo pagare e che devo cedere, sia un cedimento coi fiocchi e ho preso i taglierini ai funghi. Ho fatto una fatica boia a finirla, ero già piena, ma era molto buona ache se credo sia la causa della mia veglia notturna post-pasquale: non mangiavo la pasta dalla Befana!
Per secondo ho preso solo una fettina di pesce persico gratinato al forno, molto leggero ma non l’ho finito, stavo malissimo e loro hanno preso anche le patatine fritte, ma lì no, per quanto le adori davvero non ho ceduto. Hanno preso il dolce pasquale al cioccolato, io solo un sorbetto al limone perchè davvero stavo scoppiando e credo che il sorbetto aiuti a digerire.
In pratica ho finito io da sola una bottiglia d’acqua perchè loro non l’hanno toccata e hanno bevuto solo vino bianco, che io ho bevuto di meno rispetto a loro, ma che ha fatto effetto perchè non sono ASSOLUTAMENTE abituata a bere e pur a stomaco pieno, la stanza ha iniziato a girare. Anche grazie al vino è stata una bella giornata, abbiamo riso come matte e chiacchierato quanto nessun altro dei radical chic nella sala strapiena (e che t’aspetti, non per niente sono radical chic, dopotutto).

E  sempre causa vino, credo, il momento post pranzo, mentre la piccola sbornia sbolliva e faticosamente cercavo di digerire, sono caduta in un stato di depressione acutissima, imprevista quanto irragionevole vista la bella pasquetta che stavo passando, fuori dalle mie solite quattro mura e la dalla mia vuota vita. Per questo sono propensa a credere trattasi del post-vino, non so come altro spiegarlo.

Eravamo sotto il portico di un bar, a prendere un caffè e dopo una mattinata serena e soleggiata era sceso un tempo da lupi con pioggia e freddo che si è protrattto poi per tutta la notte, un classico di ogni pasquetta che ricordi. Le mie amiche hanno la fissa delle foto in posa, stile bimbe-minkia di facebook, che io odio, ma me ne hanno fatta qualcuna e Cristo, ero orrida rossa, grassa, deforme, bruttissima! Ho cominciato a tremare proprio (anche per il freddo e la digestione), mentre idee tenebrosissime mi si accalcavano sul petto impedendomi di respirare: con quale cavolo di arroganza mi sarei presentata da Odisseo conciata così, a dormire nel suo letto, quella cosa orrida e bitorzoluta dovrebbe essere la depositaria delle sue parole d’amore?!
E ho avuto paura.

Ho avuto paura che lui si sentisse defraudato, preso in giro da foto in cui sembravo più carina, che sarà costretto a passare 5 giorni con questa cosa che non conosce e che è tutto fuorchè desiderabile. Ho pensato seriamente di mollare tutto, di non andarci da lui, di lasciarci un bel ricordo dolce-amaro di questi sei magici mesi e basta, senza far sì che tutto finisca nella più tragica delle situazioni: il suo rifiuto pietoso, ma disgustato.
Mi spiego, come ho cercato di spiegare alle mie amiche. Se a un uomo non piaccio, ok, vaffanculo a lui, come consiglio a tutte le donne, chi non ti vuole non ti merita. Ma con Odisseo è troppo particolare e diversa la situazione perchè lui non è che non mi vuole, mi vuole! E’ arrivato a dirmi di amarmi seppur mesi fa! L’unico ostacolo è questo: che io possa fargli cagare fisicamente. Se non gli piacerò, non sarà che non gli piacerò come persona, ma solo che non è attratto da me e avrò rovinato tutto perchè, se avessi avuto qualche chilo in meno e non sarebbe successo.
Capite ora la paura e il dramma in cui vivo? Non è una situazione normale la nostra. Non è un non mi piaci/mi piaci. E’ “un mi piaci, ma se poi vedo che sei orrida come faccio a stare con te”? Per questo, la nostra rottura, così, è una cosa che mi ammazzerebbe.

Insomma non ho dormito con tutto sto popò da digerire sia in pensieri che in mattonata nello stomaco, era prevedibile. Ho letto, ho guardato film scemi ma divertenti e stamattina ero seriamente intenzionata a correre una quarantina di minuti per sfoltire il gonfiore di ieri, ma pioveva e no, non rischio di ammalarmi a tre giorni dall’incontro.
Ora dalla persiane entra un indeciso chiarore che pare solare, se si stabilizza forse esco, non corro (perchè se non corro all’alba poi non riesco più a correre, boh… sono strana), esco e cammino, cammino cammino cammino finchè mi reggono le gambe, e compenso un po’ e mi alleggerisco un po’, di stomaco, di grasso, di mali e di pensieri.

Annunci

37 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. ゚・❤ EleOnora ❤・゚
    Apr 02, 2013 @ 08:52:44

    mi piace l’idea della promessa con le amiche… mi piace tantissimo.
    Io non ho amiche vicine… la mia migliore amica la sento solo per telefono ed ormai sono 9 anni chenon ci vediamo più… quindi la tua promessa con le amiche mi piace…
    Per quanto riguarda sta storia bella/brutta grassa/magra…
    ma finiscila dai… non sono i chili in più a cambiare il bene o l’amore che uno ha per l’altra persona…
    Lui si è innamorato di te per quella che sei e non per quella che dovresti essere…
    quindi, finiscila con ste storia vai a quest’incontro e come va va…
    Gli amori nascono e muoiono lo stesso… con chili o senza chili…
    Ecco… brava esci e fatti una bella passeggiata… vai ad alleggerire più che altro sti pensieri cattivi…
    ricordati quanto sei bella… lo sei solo se vorrai tu… noi donne dobbiamo finirla con ste idee di bellezza e valorizzare quello che siamo.
    POi sono contenta che da quando hai aperto sto blog stai un pò meglio… e’ utile vero? qualcuno che ci legge e ci fa anche un pò di compagnia… questo aiuta tantissimo ed alle volte cura le ferite del cuore…
    Qui ci sfoghiamo e c’è sempre qualcuno che ci ascolta e magari con una parola ci conforta!

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Apr 02, 2013 @ 09:09:57

      In realtà la storia con queste mie amiche è un po’ turbolenta e piena di alti e bassi. Siamo diverse, molto diverse, in realtà io con la maggior parte delle pvc di dove vivo c’zzecco poco, ma siamo legate ci vediamo anche se raramente con una certa frequenza che s’è incrementata da quanso sono tornata da Cosenza e vogliamo incrementarla ancra. Voglio loro molto bene, ma non psoso uscirci spesso perchè gli paice fare cose che a me annoiano da matti e mi fanni sentire fuori luogo come raccontai nel post di quell’uscita in cui mi portarono nel finto pub a parlare di scommesse e calcio.
      QUindi vederci nont roppo spesso credo abbia aiutat a mantenerla st’amicizia strana.
      Le mia amiche con cuno cndivido molto sono ahimè, come nel tuo caso tra il lontano e il molto lontano quindi mi sevo adeguare …
      Per il resto ci provo a no pensarci a quello che sono e a come andrà, am sono troppo presa da lui e questi sei mesi mi sfavillano innanzi con tutto ciò che per me hanno significato, ora che siamo allo snodo so che in bene o male, tutto cambierà e per forza di cose, sono inquieta e nostalgica.
      Sì il blog serve, lo speravo, lo presupponevo ma non credevo servisse a tanto. La funzione catartica della scrittura in primis, qui svolge un ruolo da maestra perchè mi aiuta a vomitare qui parte delle mie magagne e quindi a ordinarle e rielaborarle e nahce a capirmi un po’. Poi far vedere parte di me e della mia stupida vita al mondo e vedere che è seguito seppur poco ma con un certo interesse da belle persone come vo, mi sorprende ogni giorno e riscalda il cuore quanto una cioccolata calda con panna caramello e una spruzzata di cannella!;)

      Rispondi

      • ゚・❤ EleOnora ❤・゚
        Apr 02, 2013 @ 09:13:00

        la tua vita è tutt’altro che stupida…
        ha un valore molto importante

      • Calipso la Liberidea
        Apr 02, 2013 @ 09:19:39

        Non l’ho visto per tanti anni sto valore e fatico ancora un po’. Ho iniziato a scorgerlo grazie a Odisseo, quando lo ha vist lui per me, ma p troppo nebuloso perchè mne sia convinta.
        Te com’è andata la Paqua? So che non festegi nel senso clssico del termine ma sei stata bene coi tuoi bimbi?

      • ゚・❤ EleOnora ❤・゚
        Apr 02, 2013 @ 09:27:48

        sicuramente lo scorgerai quando troverai veramente qualcuno che ti ami ( amico/a o fidanzato ) per quello che veramente sei.
        Qui tu a noi hai dimostrato tante parti del tuo aspetto… per questo per me sei una ragazza che vali con tantissime qualità ( e, non lo dico per compiacerti ma solo perchè lo penso… ho un difetto sono sincera e se una persona non mi piace non starei nemmeno a leggere una parola di quello che scrive.Quindi figurati se le direi quello che dico a te )
        Si, Grazie a Dio, questi giorni di vacanza sono andati bene… ieri abbiamo invitato una coppia per pranzo insieme ed i miei figli ed i loro hanno demolito casa 😉
        ma della casa chissenefrega… l’importante è stare bene insieme

      • Calipso la Liberidea
        Apr 02, 2013 @ 09:33:57

        Infatti! E poi casa sottosopra vuol dire vita! Mi paice cercare le tracce della vita, l’ordine mi mette ansia, è staticità e pulizia, dove non non si lasciano impronte e senza impronte non c’è vita. Hai accantonato la dieta anche tu eh! Hai fatto benissimo tanto devi perder pocoe hai tempo. Che bella cosa il tempo:s
        Grazie per le tue parole :*

      • ゚・❤ EleOnora ❤・゚
        Apr 02, 2013 @ 12:56:00

        allora starai bene a casa mia… è sempre un caos 😀
        come dici tu è bello trovare la vita in casa e le case che sembrano dei musei non mi piacciono!
        :-*

      • Calipso la Liberidea
        Apr 02, 2013 @ 12:57:50

        ANche nella mia stanza c’è sempre caos, è il mio rifugio se è in ordine non mi sento bene ma mia madre scassa… è proprio ora di andar via

  2. meo..... laura
    Apr 02, 2013 @ 08:57:32

    buongiorno calipso…………..meo

    Rispondi

  3. 82sophie
    Apr 02, 2013 @ 10:58:02

    mi sono rassegnata al fatto che non smetterai di lamentarti, quindi ti assecondo…
    andare a pranzo fuori, mangiare di gusto e poi farsi venire i sensi di colpa NO… il cibo è un piacere e per una volta goditelo
    anche perchè se ti stai affamando da giorni senza criterio e una buona mangiata magari ti aiuta a sbloccare la situazione
    Odisseo non ti schiferà… ovvio che l’impatto visivo sarà diverso dal vederti in foto, ma anche tu hai messo in conto che lui possa essere un’altra persona rispetto a quella che credi di conoscere…
    ma soprattutto, come fai ad essere convinta che lui ti piacerà? e se non scatta in te la scintilla?
    comunque credo che 5 kg in più o in meno non stravolgano una persona, e smettila di farti le paranoie! se ami, ami a prescindere dal rotolino di ciccia

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Apr 02, 2013 @ 12:55:42

      Ecco io amo, per questo sono sicura di lui, capisci? Non sono sicura di me perchè sono timida in modo assurdo a volte sto in silenzio quando sono in mezzo ad altri da sembrare asociale e anche se con lui sto in intimità, ho paura che basti un niente e posso bloccarmi e questa cosa della ciccia non mi aiuta, se fossi + sicura non temerei questo. Tutto qui.
      Ora spero di sgonfiarmi e stop non voglio più neanche correre i 5 chili in mero speravo di perderli in faccia ma tant’è…
      Sì hai ragione mi lagno di continuo e dovrei smetterla, perchè per me è un’ossessione ma non devo assolutamente metterla tra me e lui e soprattutto rompere le palle a lui con sta cosa. Lo ha detto anche Fox che tendo a stravolgere la gente e indispetterli con le mie indolenze e la mia energia, quindi cercherò di smetterla del tutto I promise, anche perchè a questo punto come sono, come non sono lagnarsi è inutile.

      Rispondi

  4. Michele
    Apr 02, 2013 @ 11:53:19

    l’amore, la passione non si possono giudicare comprendere o catalogare, esistono e vivono di vita propria, nel reame del caos, quindi (come per ogni cosa in fondo) puoi solo viverla, totalmente e liberamente e scoprire così cosa accadrà, senza pensarci troppo prima, che qualsiasi meditazione non aggiunge nulla al risultato finale 🙂

    Rispondi

  5. Mohawk
    Apr 02, 2013 @ 17:15:38

    Ma supponiamo per una volta che tu sia veramente “orrida e bitorzoluta” e che lui ti dica veramente “mi piaci, ma sei orrida come faccio a stare con te?” ebbene, a questo punto se lo meriterebbe proprio di averti nel suo letto per 5 notti!!
    E tu violentalo, infamalo e dimenticalo che non ti merita!
    Ma era solo una supposizione naturalmente, non ho idea di come tu sia fatta, ma non ti immagino certo orrida, secondo me sei proprio carina anche con qualche chiletto di troppo.

    Rispondi

  6. valentina*
    Apr 02, 2013 @ 22:34:31

    Come devo fare con te???
    Smettila di dire assurdità: SPEGNI I PENSIERI!!!
    Lo so che è difficile, ma in questi tre giorni (anzi due 😀 ) rilassati e prenditi cura di te!
    Io so come sei e sei bella (punto!)

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Apr 03, 2013 @ 06:54:53

      Io ti adoro Vale, mi sai semrpe tirar su, ho visto le tue chiamate ma avevo cell in carica ed ero in bagno ad affrontare il terribile terribile mostro della depilazione. Riusciamo a sentirci prima che parta, sì pefforza!

      Rispondi

  7. valentina*
    Apr 03, 2013 @ 08:21:53

    Pefforza, sì che ci sentiamo! 😛
    Provo oggi 🙂

    Rispondi

  8. Trackback: Cambiamenti fantasma | Una webcam sempre accesa nella stanza di Calipso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 107 follower

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Biobioncino's Blog

Andare avanti nella propria quieta disperazione

Musa Di Vetro

Quel luogo è sempre da un'altra parte

Bisogna prendere le distanze...

4 dentisti su 5 raccomandano questo sito WordPress.com

Francesco Nigri

Passionate Life and Love

i discutibili

perpetual beta

VAstreetFrames

Street photography and portraits

Gianvito Scaringi

Idee, opinioni, reblog e pensieri spontanei

silvianerixausa.wordpress.com/

Silvia Neri Contemporary Art's Blog

Cosa vuoi fare da grande?

Il futurometro non nuoce alla salute dei vostri bambini

Personaggio in cerca d'Autore

Un semplice spazio creativo.

LES HAUTS DE HURLE VALENCE

IL N'Y A PAS PLUS SOURD QUE CELUI QUI NE VEUT PAS ENTENDRE

Kolima - Laboratorio di tatuaggio siberiano

Un corpo tatuato è un libro misterioso che pochi sanno leggere

Menomalechenonsonounamucca

Trent'anni e una vita che non vedo. Allora la metto a nudo, completamente, me stessa e la mia vita, in ogni suo piccolo, vergognoso, imperativo dettaglio, come se avessi una web cam sempre accesa puntata addosso. Svendermi per punirmi e per rivelarmi completamente al mondo, svelare le mie inadempienze come la laurea che non riesco a prendere e i kili da perdere, nella speranza che sia il mondo a vedere quel che io non vedo in me. Un esperimento che sarà accompagnato da foto e cronache dettagliate e che durerà un anno, il 2013 dei miei 30'anni. Se il mondo non vedrà niente neanche così, chiuderò tutto....

ial.

Just another WordPress.com site

The Well-Travelled Postcard

A travel blog for anyone with a passion for travelling, living, studying or working abroad.

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: