No telephone sex

Non era la prima volta che io e Odisseo facevamo quello che potrebbe definirsi “telephone sex”, ma che in definitiva è uno scambio di tenerezze che culmina con… be’ si sa con cosa culmina.
Oggi era questo l’adazzo finchè io non dico una cosa che lo ferma e mea culpa, mi sono espressa male e male ha interpretato. Ci siamo fermati ma mi sono subito spiegata. Gli ho spiegato che se ho detto che “non volevo cedere di nuovo” non significava che non stessi serena e non volessi farlo, d’aòtronde stavolta avevo iniziato io, ma che aprirmi così tanto significa donare una parte di me che non ho mai dato a nessuno e che visto il prossimo incontro e visto che non possiamo escludere che ci sia una piccola percentuale che vada male, questo mi rende un tantino più cauta ma se lo faccio sta specie di masturbazione telefonica con lu,i è perchè lo voglio fare. Con tutta me stessa. Da qui in poi.
Odisseo: “Calipso io voglio che tu sappia che comunque vada, anche se c’è quella piccola percentuale, a prescindere dalla piega che il nostro rapporto prenderà dopo il 5 aprile, io ti vorrò bene per sempre, per quello che sei e per il legame che ho con te”.
Calipso: “Questo è indubbio Ody, vale anche per me, ma il punto ora che mi rende cauta è che comunque io ADESSO SONO INNAMORATA DI TE”.
Odisseo: “…..”
[silenzio che si proptre per 3, 4 minuti…]
Calipso: ” Hai intenzione di dire qualcosa o chiudiamo?”
Odisseo: ” Quella cosa mi ha un po’ raffreddato e ora è meglio chiudere visto questi silenzi”.
Calipso: “Io ho detto una cosa importante, pesante e tu hai risposto con un silenzio di 3 minuti”
Odisseo: ” Io direi che è il caso di chiudere perchè adesso…”
Calipso: ” Ok, va bene, chiudiamo. Ciao.”

Cosa? Come? Non ci capisco niente. Non è innamorato di me per questo non ha risposto?
Non posso andare da lui così. Non osso dopo essermi esposta, così, dopo avergli regalato parti di me così intime che neanche sapevo di avere.
Lo so che andrà male,lo so da mesi, e non ce la faccio a stare male di nuova senza neanche aver avuto un giorno di gioia.
Cosa devo pensare?
Cosa devo fare?
Devo richiamarlo?
Non lo so…..

Annunci

37 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Punto e virgola G.
    Mar 15, 2013 @ 12:34:57

    Cioè, lui non è innamorato?
    Ma di cosa stiamo parlando allora?

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Mar 15, 2013 @ 15:25:33

      No,lui dice di esserlo, ma in quel momento era raffreddato perchè avevo rovinato un momento intimo e non aveva voglia di parlare di quello nè di altro.
      Il punto è che davvero comincio a credere che non lo sia… è come se stesse mettendo le mani avanti e spero di sbagliarmi…

      Rispondi

      • Punto e virgola G.
        Mar 15, 2013 @ 16:48:45

        Scusa se faccio il bastardo ed anziché rassicurarti, dico esattamente quel che penso: a me uno che fa così non è che mi pare così innamorato, eh.
        Passi (e invece non passa proprio) che già ora ti dice che se non si riesce a risolvere la situazione della distanza tra di voi finisce qua; ma non passa che nel mentre fate i porcelli al telefono e tu ti interrompi perché GIUSTAMENTE non ti senti di continuare data la situazione e ciò che è in ballo e gli dici che il problema è che tu sei innamorata… e lui sta zitto e si infastidisce che j’hai interrotto il coito.
        Ma non esiste.

      • Calipso la Liberidea
        Mar 15, 2013 @ 17:03:56

        Eh….è un po’ più complesso di così,ma è una cosa che francamente ho pensato anche io. Ma se non prova niente per me perchè continuare? Non è il tipo…

  2. stelioeffrena
    Mar 15, 2013 @ 13:06:39

    A, se ti dicessi le nostre di telefonate erotiche; dovevo mettermi la pelliccia di mia madre per resistere al gelido vento che spirava attraverso skype, hehe.

    Rispondi

  3. ゚・❤ EleOnora ❤・゚
    Mar 15, 2013 @ 13:18:57

    Forse… chissà…boh…sarebbe meglio chiarire tutto prima di questo famoso incontro…

    Rispondi

  4. 82sophie
    Mar 15, 2013 @ 13:38:41

    Forse tu hai capito prima di essere innamorata, forse lui ha bisogno di viverti dal vivo… forse neanche tu sei innamorata, hai un germoglio di sentimento, ma credo che questo vada prima vissuto e condiviso, per essere chiamato amore.

    Probabilmente ne uscirai con le ossa rotte, ma questo lo sai già… Aspetta di incontrarlo e poi sarà tutto più chiaro.

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Mar 15, 2013 @ 15:22:26

      Purtroppo sì, ne uscirò con le ossa in frantumi, devo cominciare a considerare questa oppurtinità come realistica.
      No, è stato lui stesso a dirmi che era innamorato di me prima che lo facessi e dice che così anche per lui ma che sta considerando che le cose potrebbero non andare. A questo punto lo prendo come assodato.

      Rispondi

      • 82sophie
        Mar 15, 2013 @ 16:13:50

        Ma se ha dei dubbi, è cauto, ha delle paure, è normale. E’ di quelli che si fasciano la testa prima di essersela rotta? Comprendilo. Tanto non puoi decidere di amare di meno o disinnamorarti per non soffrire, vivi il momento e poi si vedrà.

      • Calipso la Liberidea
        Mar 15, 2013 @ 17:02:16

        E’ quello che devo fare. Andare lì solo con l’intenzione di divertirmi senza aspettative nè altro, se non va ci starò male lo stesso , tanto vale che mi goda quei 5 giorni. 😉

  5. Martina
    Mar 15, 2013 @ 15:49:46

    Calipso…lo dico a te e lo dico a me…Ma un uomo facile facile e quasi noioso MAI?

    Rispondi

  6. Mohawk
    Mar 15, 2013 @ 17:53:31

    Il termine “innamorato” ha qualcosa come 7 miliardi di sfumature diverse, ognuno di noi ci vede una cosa diversa e naturalmente pensa che l’altro ci veda esattamente la stessa cosa nostra. Difficilmente è così. Ma non per questo bisogna preoccuparsi.
    Secondo me il 97% delle vostre incomprensioni deriva dal fatto che non vi conoscete, non vi vedete, non vi toccate. Non esistono solo le sfumature della voce e quello che si dice.
    Quindi non preoccuparti, non fasciarti la testa prima, vivi tutto con la massima tranquillità e sarà quel che sarà.

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Mar 15, 2013 @ 18:36:14

      Sì, credo sia un’analisi esatta. Vorrei essere in grado di arrivare a quel giorno così serena da viverli appieno come mai prima in vita mia. Avere le rose, almeno finchè posso. Giocarmela. Ma non so se ci riuscirò. Grazie dei per i tuoi, consigli, sono sempre mirati e intelligenti 😉

      Rispondi

  7. chroniclovedisease
    Mar 17, 2013 @ 13:13:19

    L’amore sta nel relazionarsi, non nella relazione.
    Non avere come obiettivo una storia d’amore, ma una vita d’amore, tutta quanta. Non soffocatevi con schemi ereditati, con forme preformate, non date eccessivo peso alle parole. Continuate a comunicare, a scambiare, senza che nessuno dei due abbia la pretesa di “bloccare” l’altro, di “fermare” lo scorrere delle vostre vite. Mai vi dissolverete l’uno nell’altra, per fortuna, ma ambire esattamente a questo farà di voi brandelli.

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Mar 17, 2013 @ 13:34:00

      Non avrei saputo dirlo meglio ma quando stai vvendo qualcosa che molti ti dicono “non è amora”, “è impossibile”, “vi state illudendo”, ne risenti, perchè lotti contro le coercizioni della lontananza e le impostazioni del mondo, e ti resta solo quello che vivi ma se anche questo comincia a traballare su cosa fai perno?

      Rispondi

      • chroniclovedisease
        Mar 17, 2013 @ 18:10:05

        Su di te, tu sei l’unico perno fatto di pietra fra migliaia, che hai incontrato e incontrerai, tutti fatti della stessa materia, quella delle illusioni. Inutile, anzi deleterio, combattere questa natura.

      • Calipso la Liberidea
        Mar 17, 2013 @ 18:14:16

        forse se riuscissi a credere in me starei bene, starei meglio, semplicemente starei. Credo che dovrei lavorare su questa cosa… hai ragione tu 😉

  8. allorizzonte
    Mar 17, 2013 @ 14:24:15

    … spira vento gelido.

    Rispondi

  9. grimilde79
    Mar 21, 2013 @ 04:28:09

    Perdonami la franchezza ma… a me questo Odisseo comincia a stare un po’ sulle balotas 😀 ahahah

    Un consiglio: letto il libro o visto il film “La verità è che non gli piaci abbastanza”?
    … non so, mi sembra sempre che lui si senta in diritto di trattarti male. E la cosa non mi piace.

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Mar 21, 2013 @ 06:20:23

      Be’ forse sono io a far notare i suoi lati così così ma ti assicuro che non è così. se gli piaccio abbastanza non lo so, temo di no ma non voglio pensarci. ci sarà tempo pe pensarci quando ne sarò certa…

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 107 follower

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Biobioncino's Blog

Andare avanti nella propria quieta disperazione

Musa Di Vetro

Quel luogo è sempre da un'altra parte

Bisogna prendere le distanze...

4 dentisti su 5 raccomandano questo sito WordPress.com

Francesco Nigri

Passionate Life and Love

i discutibili

perpetual beta

VAstreetFrames

Street photography and portraits

Gianvito Scaringi

Idee, opinioni, reblog e pensieri spontanei

silvianerixausa.wordpress.com/

Silvia Neri Contemporary Art's Blog

Cosa vuoi fare da grande?

Il futurometro non nuoce alla salute dei vostri bambini

Personaggio in cerca d'Autore

Un semplice spazio creativo.

LES HAUTS DE HURLE VALENCE

IL N'Y A PAS PLUS SOURD QUE CELUI QUI NE VEUT PAS ENTENDRE

Kolima - Laboratorio di tatuaggio siberiano

Un corpo tatuato è un libro misterioso che pochi sanno leggere

Menomalechenonsonounamucca

Trent'anni e una vita che non vedo. Allora la metto a nudo, completamente, me stessa e la mia vita, in ogni suo piccolo, vergognoso, imperativo dettaglio, come se avessi una web cam sempre accesa puntata addosso. Svendermi per punirmi e per rivelarmi completamente al mondo, svelare le mie inadempienze come la laurea che non riesco a prendere e i kili da perdere, nella speranza che sia il mondo a vedere quel che io non vedo in me. Un esperimento che sarà accompagnato da foto e cronache dettagliate e che durerà un anno, il 2013 dei miei 30'anni. Se il mondo non vedrà niente neanche così, chiuderò tutto....

ial.

Just another WordPress.com site

The Well-Travelled Postcard

A travel blog for anyone with a passion for travelling, living, studying or working abroad.

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: