Calipso gagliarda

“La mano invisibile-ma-poi-neanche-tanto del vento, aveva riservato un’accoglienza adeguata a Calipso e al suo primo giorno di presunta corsa. Come la mano della coscienza che guida e ostacola perchè è subdola come una silfide dannata, quella del vento schiaffeggiava Calipso, in quella mattina di Marzo dall’alba grigia degli inverni più islandesi. Un ciaff umido e ben piazzato, come il bacio di un onda, poi uno secco e pungente, la rabbia del mare scatenata sulla spiaggia, la solitudine inerme del lungomare quando è sferzato dalla salsedine gelosa, e il banco di nubi che turbinavano sopra di lei, che neanche avesse scatenato la furia degli dei. Ma non se n’è mica tornata a casa, Calispo. No, era gagliarda quel dì e ha portato a termine la sua prima sessione di faticosissima corsa. D’altronte l’avete vista, lì nel mare, tra la schiuma rabbioasa, il boato e le correnti? No? Be’ Calipso sì, l’ha vista, tutta quella giada, il suo stesso verde, il suo stesso torbido, che nessuna tempesta può rubare al mare o agli occhi di Odisseo.”

Il punto è che il tempo fa cagare e il mare fa paura. Che mi sono congelata i polmoni e che sarò fortunata se non mi prende una bronchite. Che ho fatto una fatica dannata e non è che abbia poi corso così tanto. Che avevo paura perchè ero sola e se fosse caduto un fulmine o spuntato L’olandese volante da quell’orizzonte da tregenda e mi avesse trascinata tra i flutti, nessuno se ne sarebbe accorto.
Il che è perfettamente la condizione che mi serve per correre.
Sono figlia di burrasche e tempeste io, anche se sono nata nel mese dei fiori di ciliegio. Sono una conflagrazione di dissonanze io, la stessa che creano le nubi nere quando si scontrano col mare gonfio.
Ho corso, ho iniziato almeno, poco, intervallando con camminate, ma ho corso e solo quando ero sulla soglia di casa è scesa la prima goccia di pioggia.
Beneficiata dalle nuvole, sospinta dal vento e salutata dal mare.
Non per niente lui è Odisseo.

Annunci

14 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. 82sophie
    Mar 06, 2013 @ 10:38:04

    E brava!

    Rispondi

  2. alexiel80
    Mar 06, 2013 @ 10:49:40

    Evvai 😀 e una è andata!

    Rispondi

  3. ゚・❤ EleOnora ❤・゚
    Mar 06, 2013 @ 11:30:43

    bene… hai iniziato 😀
    il resto verrà da sè 😉
    baci e buon pranzo!

    Rispondi

  4. Cicciona
    Mar 06, 2013 @ 15:18:52

    Grande! Iniziare è la parte più difficile! Hai superato un bello scoglio!

    Rispondi

  5. grimilde79
    Mar 07, 2013 @ 04:40:42

    Dai, il primo passo è sempre il più difficile. Se inizi a fare attività fisica, prima o poi non potrai più farne a meno 😉

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 107 follower

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Biobioncino's Blog

Andare avanti nella propria quieta disperazione

Musa Di Vetro

Quel luogo è sempre da un'altra parte

Bisogna prendere le distanze...

4 dentisti su 5 raccomandano questo sito WordPress.com

Francesco Nigri

Passionate Life and Love

i discutibili

perpetual beta

VAstreetFrames

Street photography and portraits

Gianvito Scaringi

Idee, opinioni, reblog e pensieri spontanei

silvianerixausa.wordpress.com/

Silvia Neri Contemporary Art's Blog

Cosa vuoi fare da grande?

Il futurometro non nuoce alla salute dei vostri bambini

Personaggio in cerca d'Autore

Un semplice spazio creativo.

LES HAUTS DE HURLE VALENCE

IL N'Y A PAS PLUS SOURD QUE CELUI QUI NE VEUT PAS ENTENDRE

Kolima - Laboratorio di tatuaggio siberiano

Un corpo tatuato è un libro misterioso che pochi sanno leggere

Menomalechenonsonounamucca

Trent'anni e una vita che non vedo. Allora la metto a nudo, completamente, me stessa e la mia vita, in ogni suo piccolo, vergognoso, imperativo dettaglio, come se avessi una web cam sempre accesa puntata addosso. Svendermi per punirmi e per rivelarmi completamente al mondo, svelare le mie inadempienze come la laurea che non riesco a prendere e i kili da perdere, nella speranza che sia il mondo a vedere quel che io non vedo in me. Un esperimento che sarà accompagnato da foto e cronache dettagliate e che durerà un anno, il 2013 dei miei 30'anni. Se il mondo non vedrà niente neanche così, chiuderò tutto....

ial.

Just another WordPress.com site

The Well-Travelled Postcard

A travel blog for anyone with a passion for travelling, living, studying or working abroad.

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: