Una trebbiatrice nel petto

“Non sentirti è come avere, perenne, una trebbiatrice nel petto.”

Questo, il messaggio che mandai a Odisseo, dopo i terribili due giorni di silenzi (per il riepilogo delle puntate precedenti, qui: https://webcamaccesa.wordpress.com/2013/02/25/di-nuovo-in-rotta/ ; e qui:https://webcamaccesa.wordpress.com/2013/02/25/aggiornamenti-dal-fronte/ e qui: https://webcamaccesa.wordpress.com/2013/02/26/non-sia-mai-che-mi-scemi-la-tragedia/).
Non che  mi aspettassi una risposta, ma stavo davvero macerandomi, vista anche l’ansia per l’esame, come le arance cadute premature dagli alberi, quando la pioggia e il fango ne favorisce la decomposizione e una zaffata acida si alza dagli aranceti quando ci passi accanto, proprio in questa stagione, alle mie latitudini, dove gli agrumeti crescono ovunque.
Invece mi ha chiamata subito dopo il messaggio e la zaffata acida è stata spazzata via dal fresco dei germogli primaverili.
Questo non vuol dire che abbiamo risolto del tutto la questione, nè che sia stata una telefonata facile. Lui era molto nervoso e arrabbiato e io ho attinto alle riserve più intime di timori e lacrime, al punto che a fine telefonata ero spompata del tutto, piùleggere, certo, ma anche perchè praticamente disidratata.
Non cambia la sua posizione: se non risolviamo la situazione della distanza, tra noi finisce tutto. Solo mi ha spiegato che non intendeva “finisce ora”, ma tra un anno, quando e se sarà chiaro che non c’è storia, che non possiamo farcela. Perchè lui non ne vuole di storie a distanza. E neanche io, credo.
Ah non lo so! Io voglio lui, punto. Lo voglio con tutte le strenue membra e quello che sta dietro alle strenue membra. Non ho mai voluto niente quanto voglio lui, e in barba a ogni strategia afferra-maschi e ai consigli di procedere con cautela, gliel’ho detto chiaramente.
Non sono disposta a vivere una storia a distanza, ma sono disposta a far di tutto per correggere la distanza.
Il punto è che per me è una cosa secondaria questa, al momento. Non ci siamo ancora visti, l’ostacolo per me è l’incontro, perchè io so, io temo, io sono sicura purtroppo, di avere ben poche possibilità di farlo diventare mio dopo quei fatidici cinque giorni.
Io so che quei cinque giorni, sono destinata a essere o i migliori della mia vita, o tra i peggiori. Perchè se non va bene, se non si crea lo stesso feeling, se io gli faccio schifo o mi blocco come una cretina timida e insicura quale sono, allora Odisseo non lo avrò più, nè per telefono, nè lontano, nè vicino, nè in un sogno. E il solo pensarci mi ammazza.
Ora capite perchè questo mese e un giorno che restano all’incontro sono per me vitali? Come affronterò questo mese, deciderà il mio futuro: finalmente vivrò l’amore o questo sparirà per sempre? La mia vita diventerà vita o resterà un coacervo ansiogeno di niente?
Per me, la questione della distanza da risolvere a ogni costo, è secondaria, per lui primaria. Dovrei prenderla come una nota positiva perchè visualizza un futuro della nostra storia per me ancora nebuloso?
Forse, ma non ne sono sicura.

Ci siamo chiariti però, abbiamo ripreso a sentirci e lui è stato tenero, mi ha detto che gli sono mancata molto, che gli pare di non vivere le giornate in cui non mi sente, che anche lui ha studiato ben poco per questa situazione e men che meno dormito e che teneva sotto stretto controllo il cellulare sperando in un mio messaggio.

Non sono pronta a perderlo.
Prego tutti gli dei concepiti dalla storia umana e non, che mi guidino questo mese di preparazione, dopo una vita di attese e di tele cucite di giorno e disfatte di notte, finalmente, verso l’amore e verso Odisseo.

Annunci

18 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. 82sophie
    Mar 04, 2013 @ 14:08:10

    Capisco quanto tu lo desideri intensamente e ti auguro che i tuoi sogni possano veramente avverarsi.
    Prova a pensare che non è solo lui che deve “innamorarsi” di te, anche in te deve scattare la famosa scintilla… perché la teoria è una cosa, la pratica, il viversi giorno per giorno è un’altra.

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Mar 04, 2013 @ 14:16:39

      Lo so credimi, perciò io ho altre priorità per ora, e sono ben consapevole che quel che c’è può non confermarsi e diventare un punto di partenza ma restare un punto d’arrivo e fine. E la cosa mi ammazza.

      Rispondi

  2. Valentina Luberto
    Mar 04, 2013 @ 14:11:14

    La penso esattamente cone Sophie 🙂
    Pensa anche a teeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee… oh, mica soltanto Odisseo è figo, anche tu non scherzi 😛
    Fiducia, impegno, voglia di star bene e sorriso, ecco quello che ti auguro in questo mese 🙂

    Rispondi

  3. ゚・❤ EleOnora ❤・゚
    Mar 04, 2013 @ 14:19:15

    La penso come Sophie e Valentina…
    in questo mese , ritrovereai la tua serenità ed affronta quest’incontro con ottimismo.
    Poi, sinceramente se in voi dovesse scattare il vero amore… credi che la distanza vi fermerebbe? che , non farete di tutto per accocciare i Km?
    😉

    Rispondi

  4. Punto e virgola G.
    Mar 04, 2013 @ 19:14:29

    Fare o non fare, non esiste provare.
    Lo dice Yoda, eh!

    Impegnati.
    Dai.
    Sù.
    Beh? Che fai ancora qui???

    Rispondi

  5. Calipso la Liberidea
    Mar 04, 2013 @ 20:17:52

    e che devo fa? Devo aspettare che passi un mese il più immune possiile e poi stare 5 giorni con lui e renderli magici. Dici niente!

    Rispondi

  6. Mohawk
    Mar 04, 2013 @ 21:28:56

    Scusa, non mi sono letto proprio tutte le puntate precedenti e chiedo perdono per questo. Ma non vi siete mai incontrati? Ho capito bene? Niente di male, è solo per capire meglio.

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Mar 05, 2013 @ 05:21:50

      Esatto- éarliamo quotidianamente da ottobre e abbiamo parlato per ore e ci siamo scambiati foto, e ci siamo innamorati e tra un mese dovremmo vederci, e passare 5 giorni insieme e me la sto facendo sotto :s
      proprio ora cercavo consigli su internet per affrontare serenamente una cosa del genere pernsa, delirio!

      Rispondi

      • Mohawk
        Mar 05, 2013 @ 06:49:00

        Ma è fantastico! Consigli? Nessuno particolare, cerca solo di essere tranquilla e soprattutto di essere te stessa.

      • Calipso la Liberidea
        Mar 05, 2013 @ 07:14:17

        E’ questa la mia paura che non riesca a essere me stessa per l’imbarazzo o la stranezza della situazione. saranno 5 giorni con lui, capisci? a casa sua!Comunque ho intenzione giusto oggi di scrivere un post liberatorio e poi di non pensarci più per il mese che resta altrimenti l’ansia mi farà venire l’ulcera!

      • Mohawk
        Mar 05, 2013 @ 07:52:59

        L’imbarazzo durerà pochissimi minuti, te lo dico per esperienza.
        E’ naturalmente un problema di aspettative, come sempre, come tutto. Più ti aspetti è più alto è il rischio di rimanere delusa.
        Tu pensa solo a divertirti, e sono sicuro che in 5 giorni a casa sua vi divertirete sicuramente. Poi tutto quello che verrà in più sarà tutto guadagnato.

      • Calipso la Liberidea
        Mar 05, 2013 @ 07:54:01

        Hai avuto esperienze simili?

      • Mohawk
        Mar 05, 2013 @ 20:36:24

        In un certo senso sì, ho “incontrato” un paio di volte persone che conoscevo solo via web e telefonicamente, l’imbarazzo è durato pochissimo, poi diventa tutto naturale.

      • Calipso la Liberidea
        Mar 06, 2013 @ 07:57:20

        speriamo che sia così..a me è successo una volta ma mi sono bloccata come un’idiota…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 107 follower

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Biobioncino's Blog

Andare avanti nella propria quieta disperazione

Musa Di Vetro

Quel luogo è sempre da un'altra parte

Bisogna prendere le distanze...

4 dentisti su 5 raccomandano questo sito WordPress.com

Francesco Nigri

Passionate Life and Love

i discutibili

perpetual beta

VAstreetFrames

Street photography and portraits

Gianvito Scaringi

Idee, opinioni, reblog e pensieri spontanei

silvianerixausa.wordpress.com/

Silvia Neri Contemporary Art's Blog

Cosa vuoi fare da grande?

Il futurometro non nuoce alla salute dei vostri bambini

Personaggio in cerca d'Autore

Un semplice spazio creativo.

LES HAUTS DE HURLE VALENCE

IL N'Y A PAS PLUS SOURD QUE CELUI QUI NE VEUT PAS ENTENDRE

Kolima - Laboratorio di tatuaggio siberiano

Un corpo tatuato è un libro misterioso che pochi sanno leggere

Menomalechenonsonounamucca

Trent'anni e una vita che non vedo. Allora la metto a nudo, completamente, me stessa e la mia vita, in ogni suo piccolo, vergognoso, imperativo dettaglio, come se avessi una web cam sempre accesa puntata addosso. Svendermi per punirmi e per rivelarmi completamente al mondo, svelare le mie inadempienze come la laurea che non riesco a prendere e i kili da perdere, nella speranza che sia il mondo a vedere quel che io non vedo in me. Un esperimento che sarà accompagnato da foto e cronache dettagliate e che durerà un anno, il 2013 dei miei 30'anni. Se il mondo non vedrà niente neanche così, chiuderò tutto....

ial.

Just another WordPress.com site

The Well-Travelled Postcard

A travel blog for anyone with a passion for travelling, living, studying or working abroad.

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: