Quello che non avrei voluto scrivere su me

Comincio col dire che avrei mille cose da dire, ma che non posso dire perchè devo studiare (sì, lo so sono ripetitiva). Il punto però non è che devo studiare, il punto è che mi spacco il culo per studiare, ma non ci riesco.
Poco da fare: studiare è bello e mi piace, ma non riesco più a farlo. E c’è di peggio: gli attacchi d’ansia sono tornati a livelli che non ricordavo neanche più, visto che li avevo lasciati con tutto un groviglio di cose belle e brutte, nella mia camera universitaria quando sono tornata a casa per scrivere la famigerata tesi che ancora non ho scritto.
Disastro, eh? Sì, lo so: disastro.
L’ansia più becera, perchè non si ferma più agli attacchi di panico e depressione, ma ha ripreso a pulsarmi in testa e nel petto e davvero mi sono spaventata visto che non mi succedeva da così tanto tempo.
Mi facevano così male cuore e petto che sono rimasta bloccata per terra per qualche minuto e davvero ho avuto timore fosse qualcosa di serio.

Gli incubi mi perseguitano e son spesso trafile di parole, elenchi dei miei guai scritti che mi scorrono dietro, luci verde-film-di-Burton, e suoni costanti lugubri e lontani. Mai fatti in vita mia sogni del genere. Non so che cavolo dovrebbero significare, ma forse non significano una mazza e sono solo la rappresentazione visivo-inconscia dell’ansia quotidiana e perenne. Bella cagata di simbolismo!
E’ che la mia vita tutta è concentrata nel prossimo mese e mezzo, male questo, perdo le redini e sono guai e siccome sta andando malissimo, sono veramente nella cacca.

QUindi poco altro da dire. Pur di far riprendere il ritmo costante al mio cuore, mi sono connessa e leggo qualcosa e guardo dei patetici video di gente che fa recensioni letterarie e cinematografiche non scritte ma parlate (mah) e sono molte stupide e banali quasi tutte e la stupidità e la banalità mi riempiono sempre di grande allegria. Quindi ci provo anche oggi. Finora non ha funzionato.

Ho riletto quello che ho scritto e volevo scrivere tutt’altro ma non funzionano le mie mani nè la mia testa. Quindi la smetto qui.

Annunci

2 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Punto e virgola G.
    Feb 25, 2013 @ 12:05:51

    Calip lo stai vivendo troppo male questo mese e mezzo. Non dovrebbe andare così.
    Comincia a rilassarti. Non c’è nulla di cui aver paura. Stai tranquilla, e vai avanti per la tua strada.
    Se in gamba.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 107 follower

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Biobioncino's Blog

Andare avanti nella propria quieta disperazione

Musa Di Vetro

Quel luogo è sempre da un'altra parte

Bisogna prendere le distanze...

4 dentisti su 5 raccomandano questo sito WordPress.com

Francesco Nigri

Passionate Life and Love

i discutibili

perpetual beta

VAstreetFrames

Street photography and portraits

Gianvito Scaringi

Idee, opinioni, reblog e pensieri spontanei

silvianerixausa.wordpress.com/

Silvia Neri Contemporary Art's Blog

Cosa vuoi fare da grande?

Il futurometro non nuoce alla salute dei vostri bambini

Personaggio in cerca d'Autore

Un semplice spazio creativo.

LES HAUTS DE HURLE VALENCE

IL N'Y A PAS PLUS SOURD QUE CELUI QUI NE VEUT PAS ENTENDRE

Kolima - Laboratorio di tatuaggio siberiano

Un corpo tatuato è un libro misterioso che pochi sanno leggere

Menomalechenonsonounamucca

Trent'anni e una vita che non vedo. Allora la metto a nudo, completamente, me stessa e la mia vita, in ogni suo piccolo, vergognoso, imperativo dettaglio, come se avessi una web cam sempre accesa puntata addosso. Svendermi per punirmi e per rivelarmi completamente al mondo, svelare le mie inadempienze come la laurea che non riesco a prendere e i kili da perdere, nella speranza che sia il mondo a vedere quel che io non vedo in me. Un esperimento che sarà accompagnato da foto e cronache dettagliate e che durerà un anno, il 2013 dei miei 30'anni. Se il mondo non vedrà niente neanche così, chiuderò tutto....

ial.

Just another WordPress.com site

The Well-Travelled Postcard

A travel blog for anyone with a passion for travelling, living, studying or working abroad.

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: