Paraocchi per non sfilacciarsi

Io non ce la faccio più.
Non ce la faccio più a fallire.Il bisogno di portare a compimento qualcosa, qualsiasi cosa, in qualsiasi aspetto della mia vita è ormai un bisogno tragico, vitale, teso come una corda di violino che tira tira e tira, fa un male boia, e si spezza, perchè tanto si spezza prima o poi. Niente può stendersi all’infinito senza sfibrarsi, perdere il suo tono, e infine spezzarsi e io non faccio eccezione.
Anche se mi piacerebbe poter considerare me stessa Wonder woman, perchè così tutti questi anni buttati al vento, tutta questa vita mancata, sarebbe solo l’anticamera preparatoria di una vita più vorticosa di quanto previsto e assegnatami dal destino stesso, lì in quel posto dove i destinui vengono assegnati.

Invece “sfilacciata” è esattamente quello che sono, come qualsiasi corda tirata malamente e strangolata per quasi trent’anni, sarebbe.
Non sfilacciate ulteriori parti di me, non voglio più, basta.
Le parti perse saranno irricostituibili oramai, inutile piangere sul latte versato. Devo solo volgere il mio sguardo in avanti, sempre, tutti i giorni, per non sfilacciarmi più.
Dovrò farmi regalare dei paraocchi.

Non posso fallire ancora.
Non posso non baciare Odisseo.
Non posso lasciare che la gente caghi su quello che sono.
Non posso non vivere neanche un giorno della mia vita.
Non posso non studiare.
Non posso non leggere.
Non posso non uscire.
Non posso non seguire la dieta.
Non posso perdere sogni.
Non posso perdere amore.
Non posso perdere opportunità.
Non posso rintanarmi ancora in questa stanza.
Non posso impermealizzarmi alla vita.
Non posso.
Non lo sopporterei ancora.
Non resisterebbe, questa volta, la corda.
Non posso.

Eppure, lo sto facendo di nuovo.

Annunci

6 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. 82sophie
    Feb 06, 2013 @ 11:01:52

    Ho smesso di sentirmi una fallita a 30 anni. Non è cambiato niente intorno, sono cambiata io. Accettando il fatto di non essere perfetta e di non rispondere al quadro che mi ero fatta di me. Mi piaccio lo stesso, molto più di prima, e mi dispiace averci messo tanto tempo a capirlo.
    Bacia Odisseo!

    Rispondi

  2. QuattroEVenti
    Feb 06, 2013 @ 11:30:34

    E’ angosciante come ci si possa ritrovare in altre persone.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 107 follower

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Biobioncino's Blog

Andare avanti nella propria quieta disperazione

Musa Di Vetro

Quel luogo è sempre da un'altra parte

Bisogna prendere le distanze...

4 dentisti su 5 raccomandano questo sito WordPress.com

Francesco Nigri

Passionate Life and Love

i discutibili

perpetual beta

VAstreetFrames

Street photography and portraits

Gianvito Scaringi

Idee, opinioni, reblog e pensieri spontanei

silvianerixausa.wordpress.com/

Silvia Neri Contemporary Art's Blog

Cosa vuoi fare da grande?

Il futurometro non nuoce alla salute dei vostri bambini

Personaggio in cerca d'Autore

Un semplice spazio creativo.

LES HAUTS DE HURLE VALENCE

IL N'Y A PAS PLUS SOURD QUE CELUI QUI NE VEUT PAS ENTENDRE

Kolima - Laboratorio di tatuaggio siberiano

Un corpo tatuato è un libro misterioso che pochi sanno leggere

Menomalechenonsonounamucca

Trent'anni e una vita che non vedo. Allora la metto a nudo, completamente, me stessa e la mia vita, in ogni suo piccolo, vergognoso, imperativo dettaglio, come se avessi una web cam sempre accesa puntata addosso. Svendermi per punirmi e per rivelarmi completamente al mondo, svelare le mie inadempienze come la laurea che non riesco a prendere e i kili da perdere, nella speranza che sia il mondo a vedere quel che io non vedo in me. Un esperimento che sarà accompagnato da foto e cronache dettagliate e che durerà un anno, il 2013 dei miei 30'anni. Se il mondo non vedrà niente neanche così, chiuderò tutto....

ial.

Just another WordPress.com site

The Well-Travelled Postcard

A travel blog for anyone with a passion for travelling, living, studying or working abroad.

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: