Atavici legami di dolcezze

C’è 1 grado oggi, 1 grado! Insomma dalle mie parti, africane parti, non c’è mai un grado durante il giorno a meno che non sia uno di quei rari inverni in cui ci fa una mezza spruzzata di neve. E invece, oggi, il giorno in cui avrei dovuto studiare mezzo librone in spiaggia perchè finalmente avevo trovato il modo di studiare e respirare contemporaneamente, che succede?
Succede che c’è un grado la mattina (mai successo,al massimo tre gradi o si scende al sera ma non la mattina!), che c’è un vento gelido come la morte e che, dall’estate indiana dei 20 gradi degli ultimi giorni, ci siamo improvvisamente ritrovati nel più becero dei febbraii invernali.

Ora che m sono lamentata un po’ della mia sfiga, posso mettermi a studiare e dovrò trovare il modo di farlo anche in casa. Anche perchè di là in cucina, ci sono i miei brownies, e reggere e non divorarli sarà dura, durissima, come Ulisse che cercava di resistere al canto delle sieren, stessa cosa io col cioccolato. E poi perchè sono buonissimi, io non so fare una mazza, tranne i dolci.
Eh… io e i dolci abbiamo un rapporto inscindibile e se mi esce tutto da schifo, almeno quelli mi escono sempre buonissimi.  E’ come un legame atavico, un bisogno di dolcezza e cioccolato che prescinde le barriere del tempo, dello spazio e della ciccia. E’ vero quello che dicono: se una cosa ti piace la fai bene!
Ho passato ieri pomeriggio a fare dolci per mia madre, che sta da alcuni parenti a pranzo, hole mani ancora tinte di colorante rosa e azzurro e i capelli che sanno di noci e cioccolato.
Ma me li scordo i dolci, sono grassa e non posso mangiare una mazza, quindi li guardo in foto, come una beona (che sono uscite malissimo per la luce della mia cucina, ma tant’è) e li lascio qui, a eterno sfottimento del mio stomaco. E magari faccio venire una voglia boia anche a chi passa di qua e legge questo post, così, tanto per non sentirmi sola :p
Ed ecco quello che la webcam accesa rileverà oggi: StudioStudioStudioStudioStudioStudioStudioStudioStudioStudioStudioStudioStudioStudio
StudioStudioStudioStudioStudioStudioStudioStudioStudioStudioStudioStudioStudioStudio
StudioStudioStudioStudioStudioStudioStudioStudioStudioStudioStudioStudio
Matto&Disperatissimo Studio
Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

PIC_0312

Annunci

8 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. ゚・❤ EleOnora ❤・゚
    Feb 05, 2013 @ 09:32:08

    WOW…
    questi dolci li hai fatti te????
    SEI SUPER ….
    ma, allora perchè non ti apri una pasticceria?????
    bacione

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Feb 05, 2013 @ 09:37:26

      Ahahhaha magari! sai che stavo pensando dis eguire un corso di decorazioni per torte? sarebbe bello, doivertente e potrei ricavarci qualcosa un giorno chissà. SOlo che diventerei una balena con tutti quei dolci, assicurato.
      sì li ho fatto io ma qelli con la crema di burro sono anche + belli, questa la mascarpone nn resta su, e la gralla è standard. ma sono buoni 🙂

      Rispondi

      • Valentina Luberto
        Feb 05, 2013 @ 12:24:59

        Quoto il corso per decorazioni, sei bravissima e potresti davvero farne una professione. Le foto saranno anche venute male, ma ti assicuro che i tuoi dolcetti emanano bellezza e bontà da tutti i pori 😀
        Bacetti a teeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee… :*

      • Calipso la Liberidea
        Feb 05, 2013 @ 13:29:31

        grazie! aggiungerò il corso alla lista delle cose da fare, come scrivere ul romanzo del secolo, andare sulla luna, percè puntare in basso?:p

  2. nanalsd
    Feb 05, 2013 @ 22:23:02

    Ma guarda come sono carini!

    Io per esempio i dolci non li so proprio fare.
    Sarà perché non ne vado matta?

    Effettivamente se mi dici “fammi una pizza”, anche nel giorno più strunzus e brutto del mondo, quella riesce bene.
    MH.

    Com’è andato lo studio matto e disperatissimo?

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Feb 06, 2013 @ 08:40:35

      Non li sai fare perchè non sei tipo da dolci, vedi? Perfettamente lineare! :p QUanto a me i dolci sono il mio ossigeno, ma in realtà neanche la pizza scherza, non ci facciamo mancare niente e la panza lievita….

      Rispondi

  3. Cicciona
    Feb 06, 2013 @ 02:33:54

    Quoto anch’io il corso di decorazione torte!
    Però tu sai che io adesso ti odio tantissimo per le foto che hai postato, vero??!!!!!!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 107 follower

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Biobioncino's Blog

Andare avanti nella propria quieta disperazione

Musa Di Vetro

Quel luogo è sempre da un'altra parte

Bisogna prendere le distanze...

4 dentisti su 5 raccomandano questo sito WordPress.com

Francesco Nigri

Passionate Life and Love

i discutibili

perpetual beta

VAstreetFrames

Street photography and portraits

Gianvito Scaringi

Idee, opinioni, reblog e pensieri spontanei

silvianerixausa.wordpress.com/

Silvia Neri Contemporary Art's Blog

Cosa vuoi fare da grande?

Il futurometro non nuoce alla salute dei vostri bambini

Personaggio in cerca d'Autore

Un semplice spazio creativo.

LES HAUTS DE HURLE VALENCE

IL N'Y A PAS PLUS SOURD QUE CELUI QUI NE VEUT PAS ENTENDRE

Kolima - Laboratorio di tatuaggio siberiano

Un corpo tatuato è un libro misterioso che pochi sanno leggere

Menomalechenonsonounamucca

Trent'anni e una vita che non vedo. Allora la metto a nudo, completamente, me stessa e la mia vita, in ogni suo piccolo, vergognoso, imperativo dettaglio, come se avessi una web cam sempre accesa puntata addosso. Svendermi per punirmi e per rivelarmi completamente al mondo, svelare le mie inadempienze come la laurea che non riesco a prendere e i kili da perdere, nella speranza che sia il mondo a vedere quel che io non vedo in me. Un esperimento che sarà accompagnato da foto e cronache dettagliate e che durerà un anno, il 2013 dei miei 30'anni. Se il mondo non vedrà niente neanche così, chiuderò tutto....

ial.

Just another WordPress.com site

The Well-Travelled Postcard

A travel blog for anyone with a passion for travelling, living, studying or working abroad.

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: