Il più grande romanzo è un blog

Che il mio solito post mattutino sia mancato, oggi, potrebbe significare – certo che potrebbe – che ho passato la mia giornata profusa in studio e impegni da ragazza-non-interrotta. Potrebbe.
Se la ragazza in questione non fosse quetsa che scrive, però.
Io sono la Regina delle Zappe sui Piedi; la Nemica numero uno di se stessa; La Buoni Propositi Mai Realizzati numero 1. Eccetera.
Questo incipit lagnoseggiante per assicurare tutti che no, l’inversione di marcia sperata e strombazzata ai sette venti, dieci giorni fa quando questo blog nasceva, non si è realizzata improvvisamente. Anche se devo dire che non considero la girnata di oggi completamente persa.

Prima di tutto: 10 giorni di blog. Ok, non è chissà che traguardo, neanche avessi detto “10 anni di blog” e anche in quel caso non sono sicura possa definirsi “traguardo”. Ma considerato che ho la stessa costanza che ha un maiale nel ripulire il suo giaciglio dalla sbobba, e che vedo un successo e una ragione di alzarsi la mattina ogni morte di papa, non starei qui a far tanto la reticente. 1
0 giorni di blog sono 10 giorni di blog, e alla fine dell’anno devono esserci 365 post qui. Se poi questi post conterranno una mia evoluzione e non un detrimento ulteriore o peggio la staticità in cui verso da anni, è un altro discorso. Per ora prendo i 10 giorni e metto in sacoccia che qui non possiamo fare troppo i preziosi.
Detto ciò, questa cosa del blog comincia a prendere una forma un tantino diversa da quella che gli avevo costruito sopra nelle intenzioni. Prima di tutto, mai avrei creduto di poter trovare subito persone a me tanto simili e che seguire i loro blog mi avrebbe stimolato interesse e profuso insegnamenti oltre che intrattenuto semplicemente.
Secondo comincio a credere che stia diventando terapeutico e indispensabile scrivere qui, tant’è che non sono riuscita a chiudere il pc prima di lasciare il resoconto di un’altra giornata. Nasce da qui il desiderio di approfondire queste pagine di ogni sfaccettatura della mia vita e non dei soliti lamenti e autodenigrazioni cui l’ho sottoposto.

Necessità che è figlia dei blog ho letto oggi. Sì, ho passato mezza giornata su wordpress e blogspot a leggere qualche post e approfondire laddove trovavo motivo per farlo, o spulciare in quelli che avevo già trovato nei giorni scorsi e unito alla mia lista dei blog da seguire. Certo con tutte le cose che ho da fare questa potrebbe sembrare una perdita di tempo e una scusa per non mettermi sotto, e in parte lo è.
D’altro canto ho capito quanto un blog sia potente e intrigante, lo sapevo perchè ne ho già gestiti un paio in passato, ma non credo di aver capito bene come usare questo mezzo appieno.

Leggere un blog è come leggere una biografia della persona che scrive, come un libro che però non finisce, in cui succede di tutto e cambiano le modalità sensitive di chi scrive a secondo di cosa succede a questa persona quotidianamente e cambia genere e cambia colori a seconda del tipo di post e di argomento e cambia registro e intonazione a seconda della rotta che la sua vita imbocca.
E si può costruire la storia, la personalità, il percorso di vita, i pensieri e le delusioni, ma anche i sogni e le speranze di chi scrive, svelandole passo passo come in un dipinto simbolista, i cui elementi sono evidenti ma nascondono dei significati celati che devi scoprire pian piano e solo pian piano il dipinto delineerà la persona che lo scrive. Sembriamo tutti eroi ed eroine qui, come nei romanzi dell’800, solo che questo libro, queste pagine di pixel e lettere, sono la nostra vita e non una storia inventata.
E’ affascinte. Si può imapare molto da questo e io ho imparato molto da quel che ho letto oggi.
Farò tesoro di quanto della loro vita le persone di cui seguo i blog hanno voluto così generosamente condividere, più di quanto loro si avrebbero potuto sospettare mentre lo scrivevano. E renderò questo blog più completo e connesso che posso alla mia vita. Perchè potrebbe essere veramente la soluzione, raccontare di me. E se poi qualcuno vorrà leggerlo, vorrà capire chi sono e che ne sarà di me, e riuscirà magari a imparare qualcosa da me come io sto facendo dagli altri blog, sarà  un regalo insperato e bello oltre ogni dire e oltre ogni mia previsione.

Immagine

Annunci

11 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. grimilde79
    Gen 26, 2013 @ 06:47:50

    Sai? Anche il mio blog “Grimilde” è nato per essere solo un blog di dieta, un po’ anonimo. Poi Grimilde ha preso il sopravvento ed è passato davanti al mio blog personale. Non perchè non parli più di me. Ma proprio perchè quel blog mi assomiglia molto più di quello personale.
    Aspettiamo di conoscerti meglio 😉 Sono certa che sarai una rivelazione! 🙂

    Rispondi

    • Calipso la Liberidea
      Gen 26, 2013 @ 09:20:26

      Infatti ho notato ho spulciato qua e là. Ma credo sia difficile non palrare di se stessia nche quando si parla di dieta, no? Insomma esce tutto di te, la forza che ci metti, tutto quello che hai passato per arrivare a fare la dieta, il eprcorso nello scalare la montagna, le vittorie.
      La dieta è molto + che una necessità estetica. E’ una lotta contro uno stato di depressione e negatività che fa parte di sè. Ma poche persone possono capirlo

      Rispondi

  2. ゚・❤ EleOnora ❤・゚
    Gen 26, 2013 @ 08:49:52

    be’, tesoro… tutti noi scrivendo un blog… diventiamo anche “amiche”
    è più facile così parlare con qualcuno che mai avresti avuto possibilità di conoscere.
    E, come dici tu… c’è tanto da imparare dagli altri…
    un abbraccio tesoro 🙂

    Rispondi

  3. infranotturna
    Gen 26, 2013 @ 19:58:52

    sembri spietatamente sincera…
    baci

    Rispondi

  4. valentina*
    Gen 27, 2013 @ 15:08:06

    Bella visione di questi luoghinonluoghi dove è vero che ognuno lasci inevitabilmente un pezzo di sé, anche quando le parole conducono alla pura fantasia. La fantasia non è che un modo per vivere la realtà 😉
    Grazie per esser passata tra le mie Sghemberie 😉

    Rispondi

  5. valentina*
    Gen 27, 2013 @ 17:58:21

    Oh, grazie! troverai sempre una tazza di tè e dei biscotti ad aspettarti 😀

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 107 follower

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Biobioncino's Blog

Andare avanti nella propria quieta disperazione

Musa Di Vetro

Quel luogo è sempre da un'altra parte

Bisogna prendere le distanze...

4 dentisti su 5 raccomandano questo sito WordPress.com

Francesco Nigri

Passionate Life and Love

i discutibili

perpetual beta

VAstreetFrames

Street photography and portraits

Gianvito Scaringi

Idee, opinioni, reblog e pensieri spontanei

silvianerixausa.wordpress.com/

Silvia Neri Contemporary Art's Blog

Cosa vuoi fare da grande?

Il futurometro non nuoce alla salute dei vostri bambini

Personaggio in cerca d'Autore

Un semplice spazio creativo.

LES HAUTS DE HURLE VALENCE

IL N'Y A PAS PLUS SOURD QUE CELUI QUI NE VEUT PAS ENTENDRE

Kolima - Laboratorio di tatuaggio siberiano

Un corpo tatuato è un libro misterioso che pochi sanno leggere

Menomalechenonsonounamucca

Trent'anni e una vita che non vedo. Allora la metto a nudo, completamente, me stessa e la mia vita, in ogni suo piccolo, vergognoso, imperativo dettaglio, come se avessi una web cam sempre accesa puntata addosso. Svendermi per punirmi e per rivelarmi completamente al mondo, svelare le mie inadempienze come la laurea che non riesco a prendere e i kili da perdere, nella speranza che sia il mondo a vedere quel che io non vedo in me. Un esperimento che sarà accompagnato da foto e cronache dettagliate e che durerà un anno, il 2013 dei miei 30'anni. Se il mondo non vedrà niente neanche così, chiuderò tutto....

ial.

Just another WordPress.com site

The Well-Travelled Postcard

A travel blog for anyone with a passion for travelling, living, studying or working abroad.

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: